Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 3° Ed. .
LORDURA
Apri Voce completa

pag.965


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
» LORDURA
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
LORDURA.
Definiz: Lordezza.
Esempio: Boc. Nov. 32. 27. Per lo viso gittandogli chi una lordúra, e chi un'altra.
Esempio: Tes. Br. 3. 5. Se ella è ben monda, e messa in cisterna ben lavata nettamente, senza alcune lordúre, perciocchè ella ha meno d'umidóre.
Esempio: Red. Oss. An. 20. Stavano impantanati tra le lordúre degl'intestini.
Definiz: §. Per metaf. Scostumatezza, e disonestà. Lat. scelus, facinosus.
Esempio: Dant. Infer. 11. Ruffian, baratti, e simile lordúra.