Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
ANDAMENTO.
Apri Voce completa

pag.170


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
ANDAMENTO.
Definiz: L'andare. Lat. itio, iter. Gr. περίπατος.
Esempio: Declam. Quintil. M. Ma nel mio campicello non è alcuna uscita, se non una stretta viottola, la quale appena bastava a' miei andamenti.
Esempio: Cr. 5. 19. 10. Similmente gli è nocivo il troppo andamento sopra 'l suo terreno.
Definiz: §. I. Pigliasi anche per lo luogo, dove si va a spasso. Lat. ambulatio. Gr. περίπατος.
Esempio: Cr. 10. 22. 3. In questo modo si pigliano ec. i fagiani negli andamenti de' boschi, per gli quali passano.
Esempio: Amm. ant. 20. 1. 13. Dee l'uomo trastullare in andamenti aperti, acciocchè per l'aere libero, e molto spirito l'animo s'accresca, ed innalzi.
Definiz: §. II. Oltr'a ciò vale Azione, e Modo di procedere. Lat. actio, institutum, consilium.
Esempio: G. V. 7. 6. 4. Quivi soggiornò il Re Carlo, e sua gente alquanto, per prender riposo, e sapere gli andamenti di Manfredi.
Esempio: E G. V. 9. 52. 2. Tutti i Cristiani, ed eziandio i Greci, e i Saracini guardavano al suo andamento, e alla sua fortuna.
Esempio: Stor. Eur. 2. 37. Ed oltre a ciò ec. dopo molti andamenti gli condusse pur finalmente ec. ad uscire degli stati suoi.