Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 3° Ed. .
SGRAZIATO.
Apri Voce completa

pag.1523


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
SGRAZIATO.
Definiz: Senza grazia, svenevole, senza avvenentezza. Latin. invenustus, illepidus. Gr. ἄχαρις.
Esempio: Cron. Morell. Scaccia da te, ec. mentecattaggine, svenevolezza, e altre cose simili, le quali ti fanno tristo, e sgraziato, e fannoti esser non riputato da niente.
Esempio: Bronz. Rim. Bur. Ma fate tanto, che trovar bisogni, Il più sgraziato, il più schifo, il più brutto.
Definiz: §. Talora per Isfortunato, come usavano i Latini. V. Flos. 194. Latin. infortunatus, infelix, improsper.
Esempio: Tac. Dav. Ann. 64. Agusto fu nelle cose pubbliche felice, in quelle di casa sgraziato.
Esempio: Tanc. 2. 9. E quando? e dove? e come? O me sgraziata!
Esempio: E Tanc. 3. 1. Ciapin sgraziato, i' mi ti raccomando.