Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 4° Ed. .
CIGNALE.
Apri Voce completa

pag.662


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
CIGNALE.
Definiz: Lo stesso, che Cinghiale. Lat. aper. Gr. κάπρος.
Esempio: Fir. As. 220. Ma in lor vece saltò fuori un cignale grande, e smisurato.
Esempio: Boez. Varch. 4. 3. Ch'un di lor ricoperse Di spumoso cigna grifo atro, e strano.
Esempio: Red. lett. 2. 168. Quel Francesco Redi servitore di V. S. nella caccia degli Escoli si è immortalato colla presa di due cignali vivi.