Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 5° Ed. .
NONA.
Apri Voce completa

pag.203


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 5 ° Ed.
» NONA.
NONA.
Definiz: Sost. femm. Term. Ecclesiastico. La quinta delle sette ore canoniche, che dalla Chiesa si recitano giornalmente.
Dal basso lat. nona, così detta perchè nei primi secoli della Chiesa dicevasi nell'ora nona, secondo la divisione del giorno presso i Romani. –
Esempio: Fr. lac. Tod. 62: Poichè nona è cantata, La mia mensa è apparecchiata.
Esempio: Cavalc. Vit. SS. PP. volg. 2, 396: Figliuolo mio dolcissimo, abbi continuo il digiuno, e compi le tue orazioni, e sempre ti raccomanda a Dio; e terz., e sesta, e nona, e vespro, e l'uficio della notte non menticare.
Esempio: E Cavalc. Poes. 442: Religïon relegamento suona Di vincolo d'amor, non d'altra zona; Non giova vespro dir, mattino, e nona A chi n'è sciolto.
Esempio: Giambull. P. F. Inf. Dant. 51: Con queste (con le ore disuguali) si governa la Chiesa ne' suoi ufizj di terza, sesta, nona, vespro e compieta.
Esempio: Vasar. Vit. Pitt. 13, 133: Gli fece il cardinale mettere mano a far di minio le storie d'un uffizio della Madonna.... Nella prima faccia, dove comincia il mattutino, è l'Angelo che annunzia la Vergine Maria.... A prima è la Natività dì Cristo.... A terza vi ha fatto i pastori che l'Angelo appar loro.... A sesta vi è la Circuncisione di Cristo..;. A nona vi ha fatto i Magi ec.
Esempio: Giust. Vers. 248: Vosignoria se canta o sesta o nona, Canta: Servite Domino in laetitia; E non canta: servitelo in poltrona.
Definiz: § I. E per Quella parte del giorno alla quale corrisponde la detta ora canonica: ed è Lo spazio di tempo che va dal mezzogiorno alle ore tre, servendo talvolta a indicare il cominciamento, cioè mezzogiorno, e tal altra il termine estremo, di essa nona. –
Esempio: Giamb. Tratt. mor. 341: Nel detto modo duròe la battaglia infino a nona...; ma nell'ora di nona i demonj.... cominciarono ec.
Esempio: Dant. Purg. 27: Cadendo Ibero sotto l'alta Libra, E l'onde in Gange da nona riarse.
Esempio: EDant. Parad. 15: Fiorenza dentro dalla cerchia antica Ond'ella toglie ancora e terza e nona, ec.
Esempio: E Dant. Conv. 208: E queste ore usa la Chiesa, quando dice prima, terza, sesta e nona; e chiamansi cosi ore temporali.
Esempio: E Dant. Conv. 369: La diritta nona sempre dee sonare nel cominciamento della settima ora del dì.
Esempio: Panzier. Tratt. 8: Alla compieta fece el Signore a' suoi discepoli la cena di sè medesimo prima communicandogli. A maturino fu preso. A prima battuto. A terza sentenziato. A sesta crucifisso. A nona sostenne morte.
Esempio: Belleb. Stat. S. Iac. volg. 13: Che ciascheduno (dei preti o cappellani) sia tenuto d'essere a dire l'ore nella ditta cappella, cioè a macino, a prima, a terza, a nona, a vespero, e a compieta e a vigilia, ciascheduno die.
Esempio: Malisp. Stor. fior. 159: Giunsono (i Ghibellini usciti) armati e schierati nell'ora di terza alla porta del Ponte alla Carraia,... e volendo stringere alla porta, furono saettati e fediti; e dimorati insino a nona, nè per prieghi nè per minacce non poterono entrare dentro; e tristi e scherniti si tornarono in Prato.
Esempio: Sacch. Nov. 2, 194: Che tutte le loro campane alle cotante ore dovessero sonare, pigliando ora disusata dal vespro e dalla nona.
Esempio: E Sacch. Rim. V. 166: E vespero già suona. – Non è egli ancor nona.
Esempio: Eut. Comm. Dant. 2, 347: Sì che, montando lo sole la prima parte, fa terza; la seconda, sesta; la terza, nona, e siamo al mezzo: poi incomincia a discendere, e sceso la prima parte, fa mezzo vespro, la seconda fa vespro; e la terza, sera.
Esempio: Ar. Orl. fur. 8, 19: A gran fatica riuscia, Su la fervida nona, in una spiaggia Tra 'l mare e 'l monte.
Esempio: E Ar. Orl. fur. 23, 20: Si trovò uscir del bosco in su la nona.
Esempio: Bern. Orl. 49, 14: È già venuto il deputato giorno Che il gioco debbe farsi in su la nona.
Esempio: Alam. L. Gir. 9, 6: Ieri, a punto del di fra vespro e nona,... Incontrai questo mostro.
Esempio: Tass. Gerus. S. 2, 56: Emaus è città cui breve strada Da la regai Gierusalem disgiunge; Ed uom che lento a suo diporto vada, Se parte mattutino, a nona giunge.
Esempio: Forteguerr. Ricciard. 1, 31: In una fogna Ritrovò il conte sull'ora di nona.
Esempio: Tomm. Poes. 40: Quella mesta pace M'è più bella a veder che non la piena Gioia dell'aria, allor che il sole a nona I suoi candor fin quasi ai lembi invia Dell'Orïente estremo.
Definiz: § II. In locuz. figur., e figuratam. –
Esempio: Firenz. Comm. 1, 431: Io ho ben potuto sonar nona quant'i' ho voluto, che non è stato mai ora di desinare.
Esempio: Buonarr. M. V. Rim. G. 136: La nuova beltà d'una Mi sprona, sfrena e sferza; Nè sol passato è terza, Ma nona e vespro, e prossim'è la sera.
Esempio: Tass. Rinald. S. 12, 36: Fuggi, Odrismarte, ché 'l tuo giorno a nona Si chiuderà, se nel fuggir sei tardo.
Definiz: § III. E per L'ora nona secondo il computo dei Romani. –
Esempio: Cell. G. Lett. 26: Fu di tanta orazione e limosine, che in sulla nona orando, gli apparve l'Angelo.
Esempio: Martin. T. N. 3, 32: Pietro e Giovanni salivano al tempio sulla nona, ora di orazione.
Definiz: § IV. Mezza nona, denota La metà dello spazio fra mezzogiorno e le tre. –
Esempio: Dant. Conv. 369: E però l'Ufficio della prima parte del dì, cioè la terza, si dice in fine di quella: e quello della terza parte e della quarta si dice nelli principj, e però si dice mezza terza, prima che suoni per quella parte; e mezza nona, poichè per quella parte ò sonato; e così mezzo vespro.
Esempio: Bocc. Decam. 7, 171: Essendo già la mezza nona passata, lo scolare di dormir levatosi e della sua donna ricordandosi, per veder che di lei fosse se ne tornò alla torre.
Esempio: Sacch. Nov. 2, 18: Se voi mi volete mandare la donna che dee essere mia, a casa, fate che la vi sia istasera.... Come costoro udirono questo, tosto tosto s'avacciarono, la sposa vi fu a mezza nona.
Esempio: Capp. G. Tum. Ciomp. T. 299: E così tutto quel dì, fino all'altro dì a mezza nona, si può dire che questo Michele di Landò fusse signore di Firenze, 28 ore e più.
Definiz: § V. Distinguer compieta da nona. –
V. Compieta, § VI.
Definiz: § VI. Sonar compieta innanzi nona. –
V. Compieta, § VII.
Definiz: § VII. Sonare, Cantare, Fare, le none, o simili, si disse proverbialmente per Dir di no. Negare, artificiosamente, ed altresì Prevenire una domanda che ci sia fatta, rispondendo in modo da sconfortare colui che domanderebbe; probabilmente con scherzo di allitterazione fra non (e anticamente e volgarmente nonne e none) e il plurale di nona. –
Esempio: Firenz. Pros. 1, 304: Se io, per dir di me sola, avessi il petto di quella beltà che voi avete predicato con quelle vostre artificiose parole, io non cederei nè a Elena, nè a Venere, nè alla bellezza. C. Tu lo hai, e partelo avere: non bisogna e non accade ora far queste none; e buon pro ti faccia, e a chi è degno alcuna volta di rimirarlo.
Esempio: Varch. Ercol. 108: Far le none, non può dichiararsi se non con più parole, come per cagion d'esempio; se alcuno dubitando, che chicchessia nol voglia richiedere in prestanza del suo cavallo, il quale egli prestare non gli vorrebbe, cominciasse, prevenendolo a dolersi con esso lui, che il suo cavallo fosse sferrato, o pigliasse l'erba, o avesse male a un piè, e colui rispondesse, non accade, che tu mi faccia o suoni questa nona.
Esempio: Crusc. Vocab. I: Fare.... Far le none: Prevenir con parole colui che tu credi che ti voglia ricercar di qualche servigio, col dirgli che quella tal cosa ti manca. E: Nona.... Diciamo Far le none, o Sonar le none, forse per allusione alla parola Non, che è quando uno dubita che un altro non lo richiegga d' alcun servigio, comincia, prevenendo, a dire che non può per più cagioni far quella tal cosa.
Esempio: Salvin. Annot. Fier. 379: Un nonne. Lat. non. Onde Cantar le none, prevenire la domanda, che uno s'immagina d'avere a essergli fatta, con pigliare scuse, e anticipare la negativa.
Esempio: E Salvin. Disc. 2, 326: A questa storia.... alluse il Burchiello, dicendo:... Domine nonne, dal latino non. Onde cantare, o sonare, le none, o la nona, nel Vocabolario è segnata per una maniera fiorentina, esprimente l'arte di chi aspetta d'esser ricercato d'alcuna cosa e richiesto, e previene con addurre scuse di quella cosa ch'egli, in caso che gli venisse chiesta, sarebbe per negare.