Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 748 msec - Sono state trovate 26045 voci

La ricerca è stata rilevata in 129049 forme, per un totale di 102070 occorrenze

3° Edizione
Diz Giu. totali
126805 2244 129049 forme
100760 1310 102070 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 3° Ed. .
FU
Apri Voce completa

pag.731



1) id: 2f349246dd8e49cc84208dd8a63fe285)
Esempio: Volgar. Ras. Fu è caldo, e provoca l'orina.


2) id: dc3a4349b624433ab1c39b6ab4bb60c0)
Esempio: Ricet. Fior. La Valeriana, chiamata da Dioscoride, secondo alcuni Fu, è una pianta, oggi nota, trovasene di due sorte, una domestica, ovvero mggiore, l'altra salvatica, e minore, e di tutte due se ne trova copia inToscana: pare, che la radíce della maggiore sia assai simile al Fu, e che si debba per esso usare, e non la minore, per esser più tosto un'altro Fu.
2) Dizion. 3° Ed. .
CALVEZZA
Apri Voce completa

pag.263



1) id: 13b32fee5d6a46cdbc38cd785e1da6bd)
Esempio: Volg. Ras. Al quale in neuna maniera addiviene calvezza.


2) id: 95ff14cfbd0b43deb2c572f7b4930b7b)
Esempio: Volg. Mes. Olio di costo, ec. conforta i capelli, e non lascia venir la calvezza.
3) Dizion. 3° Ed. .
ZIRBO
Apri Voce completa

pag.1828



1) id: 1a54d7b356ae4dbab09f216e2399bc22)
Esempio: Volg. Ras. Perchè il zirbo cuopre quasi le budella.


2) id: c1a2b692316443ce9f72154edf80104f)
Esempio: Red. Vip. 1. 86. Mi sono riuscite molto grasse in quella parte, chiamata la rete, e da i Medici vien detta omento, e zirbo.
4) Dizion. 3° Ed. .
ESPELLERE
Apri Voce completa

pag.613



1) id: 98424fa362f34a67b079b6050aa30183)
Esempio: Volg. Ras. Quello che dee essere espulso, e mandato fuori.
5) Dizion. 3° Ed. .
EBBRIOSO
Apri Voce completa

pag.587



1) id: 5a41fed0da56499a9f7b63cde6dbbb1f)
Esempio: Volg. Ras. Huomo stolto, sciocco, pessimo, e molto ebbrioso significa.
6) Dizion. 3° Ed. .
CACCA
Apri Voce completa

pag.253



1) id: e3edde97399a4aadabec1646c9230d29)
Esempio: Volg. Ras. Siccome mocci, e lippitudini, cioè cacca di occhi.
7) Dizion. 3° Ed. .
STROPICCIAGIONE.
Apri Voce completa

pag.1637



1) id: a8ae5e7d00024e01b08a6a24af02d28b)
Esempio: Volg. Ras. Le legature, e stropicciagioni hanno questa stessa intenzione.
8) Dizion. 3° Ed. .
LAGRIMALE.
Apri Voce completa

pag.930



1) id: 4fdd8c0c177b4d4b9f0a00f067010915)
Esempio: Volg. Ras. Quando il canto del lagrimale dell'occhio resuda, ec.
9) Dizion. 3° Ed. .
CONSERVAMENTO
Apri Voce completa

pag.390



1) id: 070df046d37f403c9ea5141a6d8751da)
Esempio: Volg. Ras. Il quarto trattato è del conservamento della sanitade.
10) Dizion. 3° Ed. .
ELEFANZIA
Apri Voce completa

pag.592



1) id: 4c157cf2138f4880a0aca35fcf8fbff2)
Esempio: Volg. Ras. Di ciò avviene spesse volte varici, ed elefanzia.


2) id: 0d47173a18c845958a5a65c452cf43c5)
Esempio: Maestr. Aldobr. Di sua natura fa venir quartane, ec. e una malattia, che la Fisica appella elefanzia, e altre lebbre.
11) Dizion. 3° Ed. .
VARICE.
Apri Voce completa

pag.1748



1) id: 69e5776155d94a49912f7b1798d3ea64)
Esempio: Volg. Ras. Di ciò avviene spesse volte varici, ed elefanzia.
12) Dizion. 3° Ed. .
ESPULSIONE
Apri Voce completa

pag.614



1) id: 05f8fca1e4fb40c9917f9635a9d2da8c)
Esempio: Volg. Ras. Apparecchiáti sono alla sua espulsione, cioè a mandarla fuora.


2) id: 2eb98f67c1cf4637a092e80ea7e7b660)
Esempio: E Volg. Ras. altrove. Per lo secondo osso, che è nel palato, colano alla bocca le superfluità del ventricolo di mezzo, e di quello di dietro, e per l'espulsioni, cioè per lo mandamento fuori di queste superfluità, il cerebro si conserva, e guarda senza lesione.
13) Dizion. 3° Ed. .
ROB.
Apri Voce completa

pag.1403



1) id: 24132b36c8874bf1a4f26375bd6dd0d1)
Esempio: Volg. Ras. Bea sugo di melagrane muzze, e rob di frutti freddi.


2) id: 810d7b84e15649bbb3211e8ed61b01bc)
Esempio: Volg. Mes. Per la fievolezza della forcella il rob d'agresto.


3) id: df1fa5b70c8645c1be23663974cdf48b)
Esempio: E Volg. Mes. altrove. Il rob di mortine si fa, come Il rob di ribes.
14) Dizion. 3° Ed. .
CURVEZZA
Apri Voce completa

pag.449



1) id: d3d9ee9ee4fd49a99442c3a56b79e6ff)
Esempio: Volg. Ras. Curvezza è chinamento del dosso; dimostra, e significa malizia di costume.
15) Dizion. 3° Ed. .
EUNUCO
Apri Voce completa

pag.620



1) id: 506895e25d8547e4bf462a9e13e5f28a)
Esempio: Volg. Ras. L'eunuco è male accostumato, imperciocchè egli è sciocco, e cupido, e presentuoso.


2) id: d9dea906981e4f67a3c8d7b920bfe9ad)
Esempio: E Tac. Davanz. St. 2. 289. Più era il viaggio ammorbato di mandrie, d'istrioni, eunuchi, e del resto della scuola di Nerone.


3) id: 0665451be03844acb81bfdb1a69fadde)
Esempio: Tac. Davanz. Annal. 4. 84. Scelse veleno lento, ec. e dielo a Druso, Ligdo eunuco.
16) Dizion. 3° Ed. .
RANOCCHIO.
Apri Voce completa

pag.1321



1) id: 17a13d09347944fe98701123a3b36a2f)
Esempio: Volg. Ras. Fanno credere, che elli traggono uno ranocchio di sotto la lingua.


2) id: 99dc176fabf14adfb4bb66d998e228dd)
Esempio: E Ciriff. Calv. appresso. E vanno a salti, come fa il ranocchio.


3) id: bdf3661b88df409d857c5bbb1fb1828f)
Esempio: Bellinc. Promettendo carpioni, e dan ranocchj.


4) id: 858236212f1948648aab3b936f36e4fc)
Esempio: Burchiel. E vedrai saltellar mille ranocchi.


5) id: 555c3eef2e9842f1a0683fdede56f798)
Esempio: E Ciriff. Calv. 4. Che fia giunto al boccon come il ranocchio.


6) id: 7c1c42c7dd2d4b9698217c6629bca83c)
Esempio: Sag. Nat. Esp. 117. Un ranocchio si stordì prestissimo, e gonfiò tutto notabilmente.


7) id: bb3b8d67d41b454986524d58ece64e8a)
Esempio: Dant. Inf. 22. E come all'orlo dell'acqua d'un fosso, Stan li ranocchj pur col muso fuori.


8) id: 383c990e49444026999dc4f2c15db76b)
Definiz: §. La ranocchia non morde, perch'ella non ha denti: similitud. proverb. e dicesi del Non far male, colui, che non ne ha il modo.
17) Dizion. 3° Ed. .
PEBBRUZZA FEBBRUZZA
Apri Voce completa

pag.668



1) id: 76a4f5b4e5d74ebe908d11cb4dfe86c4)
Esempio: Volg. Ras. Si tramuta in quella febbruzza, che etica da' Maestri fisici s'appella.
18) Dizion. 3° Ed. .
ULCERARE.
Apri Voce completa

pag.1797



1) id: 77b3452e5f404ab4a7c320b293fd6ad3)
Esempio: Volg. Ras. Ogni erba, che ha il latte caldo, che il corpo ulcera.
19) Dizion. 3° Ed. .
DECENTEMENTE
Apri Voce completa

pag.483



1) id: a01d66afb0dc4be991ceff2c5b9fd170)
Esempio: Volg. Ras. Acciocchè io possa questo decentemente, ed acconciamente compiere, io chiamo, ed addimando.
20) Dizion. 3° Ed. .
ANATOMIA.
Apri Voce completa

pag.87



1) id: bb1cfeaf8e12469d80884b03068a3c70)
Esempio: Volg. Ras. E noi mosterremo, onde i nerbi nascono, quando noi tratteremo della loro anatomía.