Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 1° Ed. .
FURTO
Apri Voce completa

pag.373


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
» FURTO
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
FURTO.
Definiz: Ladroneccio, rubería, cosa furata. Lat. furtum.
Esempio: Maestruz. Furto è il toglimento della cosa altrui mobile e corporale, fraudolenta, o voglia il Signore di cui ell'è, o nò, per cagion di guadagno.
Esempio: E Maestruz. appresso. La pena del furto si varia secondamente, che variamente di lui si tratta, e criminalmente, e a pena di peccato criminale.
Esempio: Petr. Son. 167. Pur questo è furto, e vien ch'io me ne spoglie.
Esempio: Dan. Inf. can. 26. Del fosso, che nessuna mostra il furto. Qui cosa nascosta.
Esempio: Fior. Vir. A. Mon. Torre l'altrui occultamente, questo si è furto.
Esempio: Bocc. n. 98. 43. Alla qual grotta, due, i quali insieme la notte erano andati ad imbolare, col furto fatto, andarono.