Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 593 msec - Sono state trovate 17331 voci

La ricerca è stata rilevata in 53932 forme, per un totale di 35783 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
51915 2017 53932 forme
34584 1199 35783 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 4° Ed. .
S
Apri Voce completa

pag.288



2) id: 33a3c871063b4e1aa676f3c639d73991)
Definiz: Lettera di suono veemente, come la R. Posta in composizione co' suoi primitivi ha forza molte volte di privativo, come CALZARE, SCALZARE, MONTARE, SMONTARE. Alle volte d'accrescitivo, come PORCO, SPORCO, MUNTO, SMUNTO. Alle volte di frequentativo, come BATTERE, SBATTERE. Alle volte non opera nulla, valendo lo stesso CAMPARE, e SCAMPARE, BANDITO, e SBANDITO, BEFFARE, e SBEFFARE. Appo di noi ha due varj suoni; il primo più gagliardo, e a noi più familiare, come CASA, ASSE, SPIRITO. L'altro più sottile, o rimesso, usato più di rado, come SPOSA, ROSA, ACCUSA, SDENTATO, SVENATO. In questo secondo suono non si raddoppia giammai, nè anche si pone in principio della parola, se non quando immediatamente ne segue una consonante, come SMERALDO, SDENTATO. Consente dopo di se nel principio della parola tutte le consonanti, salvo la Z. Nel mezzo della parola, e in diversa sillaba riceve dopo di se le medesime consonanti, ma più malagevolmente, e per lo più in composizione, colla preposizione DIS, o MIS, come DISDETTA, MISLEALE; ma col C, P, T s'accoppia frequentemente senza difficultà, come TASCA, CESPUGLIO, PRESTO. Quando è posta avanti al C, F, P, T, si dee pronunziare nel primo modo, cioè col suono più gagliardo, come SCALA, SFORZO, VESPA, STUDIO, CESTO, ma avanti al B, D, G, L, M, N, R, V, si pronunzia col suono più sottile, o rimesso, come SBARRARE, SDEGNO, SGUARDO, SLEGARE, SMANIA, SNELLO, SRADICARE, SVENTURA. Avanti di se ammette la L, N, R in mezzo della dizione, e in diversa sillaba, come FALSO, MENSA, ORSO. Raddoppiasi nel mezzo della parola, come l'altre consonanti, dove lo ricerca il bisogno.
2) Dizion. 4° Ed. .
SERGIERE.
Apri Voce completa

pag.485



1) id: 5697c81b92e14a7c908aa487d34e8625)
Definiz: V. S. Sergente.
3) Dizion. 4° Ed. .
LAVEGGIO
Apri Voce completa

pag.31



1) id: f6e33214eefc410ea15e08d654fecb3b)
Esempio: Stor. S. Eug. Ed e' baciava, ed abbracciava le pentole, e i laveggi, e l'altre vasellamenta della cucina.
4) Dizion. 4° Ed. .
PREFETTO
Apri Voce completa

pag.695



1) id: ae9d550df71a4c0f94669c99c1b150cc)
Esempio: Stor. S. Eugen. Comodo Imperadore nel settimo consolato suo mandò Filippo uomo nobilissimo, e fecelo prefetto, ovvero podestà d'Alessandria.


2) id: 3b08203d8d894e999c9776dc2e269988)
Esempio: Vit. S. Margh. 130. Allora li cavalieri vennono al prefetto, e dissono ec.


3) id: 35f7babda347411892e999c94e0e55fc)
Esempio: Bocc. lett. Pr. S. Ap. 293. Dopo questo il prefetto della reale casa ec. colla verga dà il segno della battaglia.
5) Dizion. 4° Ed. .
MORTORIO, e MORTORO
Apri Voce completa

pag.292



1) id: eb37edf8fd064e9ab186a5933f5b20e5)
Esempio: Stor. S. Onof. E facciasi uficio di mortorio al mio corpicello.


2) id: 8bb4fc48fe80446b8ffdc2a5be208e06)
Esempio: Serd. stor. 6. 239. Allettati da questi pasti hanno principalmente l'occhio a' mortorj de' ricchi.


3) id: 8954f6b6cf0141aab645f2e91bb9d3c1)
Esempio: G. V. 10. 98. 3. Ed eziandío i fanciulli di Roma andavano a' mortorj, ove erano sotterrati i corpi de' morti Tedeschi, e scavati delle munimenta gli tranavan per Roma (così il T. Davanz.)
6) Dizion. 4° Ed. .
ARATORE
Apri Voce completa

pag.246



1) id: 8e44cca5924846c29eef8270d2d32dcf)
Esempio: Stor. S. Eust. Nel quale erano aratori, che aravan la terra.
7) Dizion. 4° Ed. .
POTESTATI, e POTESTADI
Apri Voce completa

pag.683



1) id: d0c22e4a1bda466bb83a497604f08e28)
Esempio: Legg. S. Gio. Bat. S. B. Ebbe officio di potestate.
8) Dizion. 4° Ed. .
ALLOGGIATO.
Apri Voce completa

pag.129



1) id: 3abe3f0cb9e346fe9248b771089de496)
Esempio: Guicc. stor. 11. Combatteva l'esercito Viniziano alloggiato alla porta di S. Giovanni.
9) Dizion. 4° Ed. .
MONACA
Apri Voce completa

pag.272



1) id: a84fd95bfd484e7aa9803d07251ffe68)
Definiz: Religiosa regolare. Lat. monacha, S. Girol. sanctimonialis, S. Agost.


2) id: 3a4becbe51124b2883670af0fef633f0)
Esempio: G. V. 4. 20. 3. La contessa Matelda fondóe uno nobile munasterio di monache.
10) Dizion. 4° Ed. .
CORPICELLO
Apri Voce completa

pag.823



1) id: 13389416a4734ab8b729c0af964dbde0)
Esempio: Libr. Op. div. stor. S. Onofr. E facciali uficio di mortorio al mio corpicello.
11) Dizion. 4° Ed. .
LACERAZIONE
Apri Voce completa

pag.5



1) id: bd37bd4b835742eba2558b90e755a086)
Esempio: Mor. S. Greg. Dell'utile lacerazione.
12) Dizion. 4° Ed. .
CORROMPIMENTO
Apri Voce completa

pag.831



1) id: b41c83986a374039a09fa4812402c34a)
Esempio: Stor. S. Margh. D. La quale hae servata la mia virginità infino a ora sanza corrompimento.
13) Dizion. 4° Ed. .
SANGIOVANNITA
Apri Voce completa

pag.314



1) id: d3cfa2ea2b1d47aeb1029d5e96f0cac3)
Definiz: Della setta, e dell'ordine equestre di S. Giovanni. Lat. *hospitalarius S. Iohannis.


2) id: fbb095f4223f4a4cbd799d363d52e194)
Esempio: Libr. Viagg. V'è il grande spedale dell'ordine di S. Giovanni, donde li sangiovanniti hanno il lor principio, e cominciamento.
14) Dizion. 4° Ed. .
ALLARGARE.
Apri Voce completa

pag.121



1) id: 1f0481a7fe8b43a0b7804f160538085d)
Esempio: Cas. lett. Perciò non vi allargate con S. S. di questa materia.


2) id: 950ed2989a6741339302d1c2e95d823e)
Esempio: M. V. 6. 51. Pregandolo, che allargasse la sua mano, di dare all'oste del Re vettuaglia per li loro danari.


3) id: fff954f267c8407d90713793cafdb790)
Definiz: §. V. Allargarsi con uno: vale Scoprire i suoi pensieri a colui, Dire liberamente il suo sentimento. Lat. animi sensa patefacere, arcana communicare. Gr. σαφέστερον εἰπεῖν.
15) Dizion. 4° Ed. .
APOPLETICO
Apri Voce completa

pag.220



1) id: 4470dc01c8474f69a4116a51a6d16aed)
Esempio: Vit. S. Ant. Lo Barone Misser S. Antonio sanóe uno uomo apopletico.
16) Dizion. 4° Ed. .
CAROGNACCIA.
Apri Voce completa

pag.573



1) id: 580b5705450343749d3b615a717dd53c)
Esempio: Buon. Fier. 4. 2. 5. S. Gli serbo a te, faina. Z. Nibbio. S. Putta. Z. Guattero. S. Carognaccia.
17) Dizion. 4° Ed. .
PODESTADI.
Apri Voce completa

pag.645



1) id: 105ec06023fc4edfad1a6381715faea0)
Esempio: Legg. S. Gio. S. B. Ebbe officio di potestate, ciò sono spiriti, ch'hanno a costrignere l'avversarie podestadi.
18) Dizion. 4° Ed. .
MANELLA
Apri Voce completa

pag.145



1) id: 1280c308cf9944e7bf065903c7308c30)
Esempio: Legg. S. B. V. Avea uno grande fascio di manelle di grano.
19) Dizion. 4° Ed. .
SOSPINTA
Apri Voce completa

pag.613



1) id: 217530033bec47788609ab114e2c5ec9)
Esempio: Legg. S. G. S. E misonsi con gran sospinte, e con grande affanno.
20) Dizion. 4° Ed. .
LICENZIOSISSIMO.
Apri Voce completa

pag.66



1) id: 4c574801ba5d4b44a33c58a846bbaabe)
Esempio: Stor. Eur. 6. 150. Menando vita licenziosissima.