Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 743 msec - Sono state trovate 39998 voci

La ricerca è stata rilevata in 121880 forme, per un totale di 81118 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
120064 1816 121880 forme
80066 1052 81118 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
300) Dizion. 4° Ed. .
TRAPUNTO.
Apri Voce completa

pag.132



1) id: a6fe3d32d2f142548fc474ae7b3cfdfb)
Esempio: Salv. Granch. 1. 2. Fior di seta, Mazzi, cuori, e trapunti.


2) id: cb3f5395fa2d4e11ac903161da0fa16c)
Esempio: Alam. Gir. 17. 5. Lì non erano i panni d'ostro, o d'oro, Non di Persi trapunti, o d'Inde sete, Ma di ferro, e d'acciaio era il lavoro.
301) Dizion. 4° Ed. .
TARATO.
Apri Voce completa

pag.15



1) id: 7cc1271ac54c4028aa85088ba0b5d3b1)
Esempio: Ricett. Fior. Provv. Dipoi riveduti, e tarati diventano in verità debitori.


2) id: f9b328a54bd248b19970e25e787362e6)
Esempio: E Ricett. Fior. appresso: Ancorchè avessono l'esecuzione parata, e di fatto di tali conti non tarati.
302) Dizion. 4° Ed. .
GRECO
Apri Voce completa

pag.669



1) id: ff519da344584f0a9d7013a7ab014238)
Esempio: Fir. Luc. 1. 1. Bisognerebbe legarlo a' piedi d'una botte di trebbiano, di greco, o di malvagía.


2) id: ba9d63ddc0c44d4fbc83b2c3b20fe45a)
Definiz: §. Per nome d'Uva così detta. Lat. uva graeca.
303) Dizion. 4° Ed. .
AMMAGLIARE.
Apri Voce completa

pag.153



1) id: 5e913f60ff4e42e9af5815c27adedf5f)
Esempio: Fir. As. Presa la fune, con che egli era ammagliato, da un canto l'attaccano a un travicello.
304) Dizion. 4° Ed. .
SOFFOGGIATA.
Apri Voce completa

pag.564



1) id: 919d052cd428450898e5da14d1206a02)
Esempio: Fir. Luc. 4. 1. Bella cosa vedere un gentiluomo con la soffoggiata andare a casa le femmine!
305) Dizion. 4° Ed. .
IN TERZO
Apri Voce completa

pag.886



1) id: f5ed9bf0ecd146bda6d04fa20a12805a)
Esempio: Fir. Luc. 4. 6. Io son venuto quì per metter pace, e non per combattere in terzo.
306) Dizion. 4° Ed. .
FASTELLACCIO
Apri Voce completa

pag.408



1) id: 4459f71de07a4755a02c0479fcbc3c82)
Esempio: Fir. As. 282. Nè quel fastellaccio, posciach'e' fu in terra, si potè mai o rizzare, o rivolgere.
307) Dizion. 4° Ed. .
SPIUMACCIATO.
Apri Voce completa

pag.676



1) id: dde42fb0c3b24a37943b2678b08364d8)
Esempio: Fir. As. 272. E' si dormiva in piana terra, come farebbe un altro in un letto spiumacciato.
308) Dizion. 4° Ed. .
RIBALDONE, e RUBALDONE.
Apri Voce completa

pag.124



1) id: d17162c297fb4d0bb97a0d72d0d50c16)
Esempio: Fir. Luc. 2. 2. Quel ribaldone dello Sparecchia, o del divora, che voi ve lo vogliate chiamare.


2) id: 7caf1e64ef744d8795a4a7c28a463dc8)
Esempio: E Fir. As. 303. E' non ha parlato male il ribaldone.


3) id: 46f0f4f253eb43acbe24bdc3bc541480)
Esempio: E Fir. Luc. 4. 1. Come ei fa ben le viste il ribaldone?
309) Dizion. 4° Ed. .
ACQUAFORTE.
Apri Voce completa

pag.48



1) id: 924601d261a14aecb65aa3cffa47344b)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 407. Anzi non pare altro, se non un ducato d'oro, stato nell'acqua forte.
310) Dizion. 4° Ed. .
VITTORIOSISSIMO.
Apri Voce completa

pag.293



1) id: 6e360b8e14264c53a90d32de82d4fbd1)
Esempio: Fir. As. 98. Sieno dunque celebrate le prodezze sue tralle memorie degl'incliti Re, e de' vittoriosissimi capitani.
311) Dizion. 4° Ed. .
TRASECOLATO .
Apri Voce completa

pag.136



1) id: 9231e6e9e1424f35be1f517f69a13718)
Esempio: Fir. nov. 203. Lavinia, dubitando quasi, ch'ella non fusse dessa, la cominciò a guardar fiso, come trasecolata.
312) Dizion. 4° Ed. .
AFFATTO AFFATTO.
Apri Voce completa

pag.73



1) id: f457f409026b431eb8dabc2a4e0142a1)
Esempio: Fir. As. 91. Entro al mio cuore, che non era però d'asino affatto affatto, nacque un pensiero.
313) Dizion. 4° Ed. .
CAPPERUCCIA.
Apri Voce completa

pag.558



1) id: 0aa44f84141e4a3796ca4e274c2b533a)
Esempio: Fir. rim. Più non si fan le bionde pastorelle Co' i sacchi a' rozzi crin la capperuccia.


2) id: c0d048a06e484f828e49a655cbc8641c)
Esempio: Fior. S. Franc. 157. Tagliò il cappuccio della sua capperuccia, e diedelo a quello povero per lo amore di Dio.
314) Dizion. 4° Ed. .
ENTRO.
Apri Voce completa

pag.288



1) id: 2b2caa80e17743a8861130bef9e073bd)
Definiz: Preposiz. Dentro; e si accompagna comunemente col quarto, e col terzo caso. Lat. intra, intro.


2) id: 739538cd45e344a489b22190aaede825)
Esempio: Petr. canz. 22. 5. Le notturne viole per le piagge, E le fere selvagge entro alle mura.
315) Dizion. 4° Ed. .
SBARDELLARE.
Apri Voce completa

pag.338



1) id: 397ca08ccab748369ae03a23a012977f)
Definiz: Cavalcare i puledri col bardellone.
316) Dizion. 4° Ed. .
CHIAPPOLO.
Apri Voce completa

pag.639



1) id: 84b40891177d40e4825b7873b0c8d3ce)
Esempio: Varch. Suoc. 5. 5. Io dove rimango? nel chiappolo.
317) Dizion. 4° Ed. .
ZOPPICONE, e ZOPPICONI
Apri Voce completa

pag.365



1) id: 100a1053ac7048c9b03068f29c0be16a)
Esempio: Buon. Fier.3. 5. 5. Andava sghembo, E zoppicon.


2) id: dd233ee854f84a12a851441e4f3e55e0)
Esempio: E Buon. Fier. 4. 5. 13. Ve' ch'ei si rizza, e zoppicon lo segue Schizzando rabbia, che nol può raggiugnere.
318) Dizion. 4° Ed. .
RITTO
Apri Voce completa

pag.246



1) id: 55f65694c012474d849b4f0cfdb74d92)
Esempio: Dav. Mon. 122. Due punzoni d'acciaio stamperieno il ritto, e 'l rovescio d'una moneta, e quasi petrelle di rame.


2) id: 91346b8561e34853b8f8845004d37abb)
Definiz: §. Onde in proverb. Ogni ritto, ha 'l suo rovescio, che vale, che Tutte le cose hanno il lor contrario. Lat. omnium rerum vicissitudo est. Gr. πάντων ἀμοιβή.
319) Dizion. 4° Ed. .
SOMIGLIARE
Apri Voce completa

pag.581



1) id: 625315c9e79f4e9090e58036e517f088)
Definiz: Simigliare; e si costruisce col terzo, e col quarto grado. Lat. similem esse, assimilari. Gr. ὁμοιοῦσθαι.


2) id: f13acd5dadfa49859bc1a40aee3254dd)
Esempio: Tes. Br. 5. 13. L'altro (smerlo) è grande, e somiglia al falcone laniere bianco.


3) id: 3f5d562570594b75912d8b23a4462070)
Definiz: §. Per Paragonare. Lat. comparare, conferre.