Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 560 msec - Sono state trovate 27654 voci

La ricerca è stata rilevata in 113337 forme, per un totale di 84339 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
109898 3439 113337 forme
82244 2095 84339 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
220) Dizion. 4° Ed. .
CONSONANTE
Apri Voce completa

pag.777



1) id: 371bb5f8d5e7421dbb5ac245b8defb0c)
Esempio: Salv. Avvertim. 1. 3. 1. 8. Sedici restano le consonanti nella vista della scrittura, ma i lor suoni fieno almeno venticinque. Di queste consonanti alcune, come si è detto, si chiamano semivocali ec.
221) Dizion. 4° Ed. .
ESEMPLARE.
Apri Voce completa

pag.306



1) id: 4ee319c253fb43cdae14176a3398ae6e)
Esempio: Salv. Granch. 1. 2. Chi trovi Tu in tutta Firenze, che non m'abbia, Da due, o tre miei segretarj in fuori, Per un'anima santa, e non mi tenga Per una donna esemplare?
222) Dizion. 4° Ed. .
DISMETTERE.
Apri Voce completa

pag.183



1) id: 3c0df231e20d4cad936823de54f57759)
Esempio: Salv. Spin. 2. 3. Che altro segno vuo' tu di questo, che il potere io esercitare un mestieri da aver sempre la borsa piena ec. ed esser già quindici anni, che io l'ho dismesso.


2) id: 6ae50fefe917473894138d4fc5191a85)
Esempio: Stor. Eur. 1. 2. Parea in un certo modo, che egli avesse perciò dismesso molte bestialità del viver primiero.
223) Dizion. 4° Ed. .
BOCCACCEVOLE
Apri Voce completa

pag.442



1) id: 1e820d6e4e1a4a87ac74e12c263fbadd)
Esempio: Salv. Avvert. 1. 2. 5. E se motteggiar vogliono alcuni di lor professione, o qualunque altro, che detti nel volgar nostro, dicono: egli è bembesco, egli scrive alla boccaccevole, egli è troppo affettato.
224) Dizion. 4° Ed. .
USSO.
Apri Voce completa

pag.343



1) id: 6d000f4570114eb4828d5685a42454f0)
Esempio: Salv. avvert. 1. 2. 14. Quasi il portarli (gli usatti) fosse cosa da usse, che vivono alla foresta, e quindi, cioè da usse, che più comunemente si chiamano zingane, venisse lor quel nome.


2) id: d993aa0a603d431d8995fb0e41fea8de)
Esempio: Bern. rim. 1. 3. Poi fu mantello almanco di tre usse.


3) id: 0b075f766ffa467a8c683925fd4c35f8)
Esempio: Ciriff. Calv. 3. 98. Degli Arbi, che nè zingani, nè ussi Non sono al camuffar sì pronti, e destri, To' qual tu vuoi.
225) Dizion. 4° Ed. .
DISAVVENENTEZZA
Apri Voce completa

pag.156



1) id: d7ad8bd6b25c4cc8a3015e20c12239ad)
Esempio: Salv. Avvert. 1. 1. 14. Non solamente non disavvenentezza, o difficultà, ma leggiadría, e agevolezza ci par Che rechi a questa clausula la replica del verbo, significato con due voci diverse.
226) Dizion. 4° Ed. .
STARNAZZARE
Apri Voce completa

pag.731



1) id: b809566f40754f05941ee2412665f6ed)
Esempio: Salv. Avvert. 1. 2. 14. Parimente lo starnazzare, ch'è formato da starna, non pur di questo, ma dicesi egualmente di ciascun altro uccello, e non fa forza, se da principio fu metafora, o no.


2) id: 5396b31c89314250847d6ddb8426235f)
Esempio: Buon. Fier. 1. 4. 8. Assaltan le botteghe, mangian, beono Saccheggiatori, e ciò, che c'è starnazzano.
227) Dizion. 4° Ed. .
RIMESCOLAMENTO
Apri Voce completa

pag.177



1) id: 7706c086b2a84018aa28188f255685a4)
Esempio: Salv. Spin. 1. 1. Cio fu, che madonna Ginevra, e la sua sorella, tuttochè del rimescolamento avuto pochi dì poi si morissero, tuttavia in questa parte de' fanciulletti se la passarono assai chetamente.


2) id: 3ba0582810da471daec6085729a05f9b)
Esempio: E Cof. 4. 4. Non l'arei mai potuto credere, S'io non avessi in sì fatto travaglio Trovata la padrona, la qual presone Ha tanto rimescolamento, ch'ella ne È stata per morire.


3) id: cd6acad061944df9aeb84ce70cb6344e)
Esempio: Ambr. Furt. 5. 4. E tanto rimescolamento ne ho preso, che come tu hai veduto, mi si è smosso il corpo di sorte, che mi è bisognato o per amore, o per forza starmi più di due ore in casa, e continuamente, siccome tu hai veduto, sul destro.
228) Dizion. 4° Ed. .
STRASCICO.
Apri Voce completa

pag.769



1) id: cb52126287c54dd2a3adc39702f06e6b)
Esempio: Salv. Granch. 2. 2. Cappello, ed un paio di borzacchini Avrò io; pelliccia, che sia 'l caso, No, s'io non l'accattassi, che le mie Son, come dire, da gottosi, larghe, Gravi, ed hanno, si può dir, lo strascico.


2) id: 2988387a321e4158affcaa42081c419b)
Esempio: Malm. 1. 59. E paion con la spada in su le polpe Un, che faccia lo strascico alla volpe.
229) Dizion. 4° Ed. .
RAFFINAMENTO.
Apri Voce completa

pag.42



1) id: 61568b32378c44adbae4a37f8a2ee3b5)
Esempio: Salv. Avvertim. 1. 2. 19. Ma non si sdegnino per Dio i presenti uomini della nostra città, non d'imparare dalli starni, ma solamente di ripigliar dagli avoli, non dico tutto il linguaggio, ma un cotal raffinamento dell'idioma loro.


2) id: 7cbf604ff39e41a2a116fa4cbe80fce5)
Esempio: Salvin. disc. 2. 372. I moderni hanno talora qualche raffinamento dall'arte.
230) Dizion. 4° Ed. .
ELETTIVO.
Apri Voce completa

pag.275



1) id: 0522ece6c3324436bedd499d66652553)
Esempio: Salv. dial. Amic. 44. Due sono similmente l'amicizie più strette, la naturale, la quale noi diciamo affinità ec. e la elettiva, per dir così, della quale ha da esser principalmente il nostro ragionamento.
231) Dizion. 4° Ed. .
COLLISIONE
Apri Voce completa

pag.699



1) id: 829abc80415849e6991e4dcfbd19b323)
Esempio: Infar. 2. 358. Collisione è tutto il contrario, cioè concorso, affronto, e percuotimento.


2) id: e96807f1c4054f9ebde04b9951181d42)
Esempio: Car. lett. 2. 113. Di questi luoghi ce ne troverete assai, dove la collisione (chiamandole pur latinamente) parrà forse viziosa.
232) Dizion. 4° Ed. .
SALISCENDO, e SALISCENDI
Apri Voce completa

pag.304



1) id: acda2c92a06140e29decbc37b4bf1cbf)
Esempio: Salv. Spin. 5. 9. Alzando Madonna Fulvia il saliscendo così un poco per trarla dentro, fu da gente di fuori sbattuta, e spalancata questa porta con una spinta, ed entrato in casa.
233) Dizion. 4° Ed. .
COLLETTIVO
Apri Voce completa

pag.698



1) id: 7c4151b17c4e425497344343289584fb)
Definiz: Add. Termine grammaticale; e dicesi di Que' nomi, che sendo generici, comprendon sotto di loro molti individui, come città, popolo, e simili; e nella nostra lingua, come in alcun'altra, benchè posti nel singolare, s'accordano anche, e reggono il plurale. v. Salv. avvert. 2. 1. 2.
234) Dizion. 4° Ed. .
DIGNITOSO
Apri Voce completa

pag.112



1) id: 5d1d13c3ad53404b840afd319ca3732d)
Esempio: Fr. Giord. Salv. Pred. 18. Il Papa quando consacra, sì vi sono molti vescovi, e nullo dee tenere in capo corona di gemme, ma feriali; solo il Papa tiene corona dignitosa.


2) id: 981beff9388b4c97a16b4056a2d3870f)
Esempio: Dant. Purg. 3. Ei mi parea da se stesso rimorso, O dignitosa coscienza, e netta, Come t'è picciol fallo amaro morso!
235) Dizion. 4° Ed. .
AMMIRATORE.
Apri Voce completa

pag.159



1) id: 1aa9b453bc0442c98620f46c2f9736df)
Esempio: Buon. Fier. 3. 4. 2. Delle cose mutate ammiratore.
236) Dizion. 4° Ed. .
APPASSITO
Apri Voce completa

pag.227



1) id: dbe8844c5f82421881ad95b98a541643)
Esempio: Buon. Fier. 2. 3. 4. Secche, alide, appassite, trasparenti.
237) Dizion. 4° Ed. .
ACCENTO.
Apri Voce completa

pag.26



1) id: 1964abfe07cb4a369f71fc051e23878f)
Definiz: Quella posa, che si fa nel pronunziar la parola, più in su una sillaba, che in sull'altre: e dicesi ancora a quella picciola linea, che dinota tal posa. Lat. accentus. Gr. προσωδία. v. Salv. Avvert. pr. vol.


2) id: df7ed9ee0e874bf7ac19dd5a8430e377)
Esempio: Buon. Fier. 1. 1. 2. Tal ch'un accento, Un titolo d'un i non mi s'occulti.


3) id: 6f3856717a9948a0844f027382976c42)
Esempio: Dant. Inf. 3. Parole di dolore, accenti d'ira.
238) Dizion. 4° Ed. .
ADOPRARE.
Apri Voce completa

pag.66



1) id: 48383a27880a4f62bad2146000684cb2)
Esempio: Salv. Avvert. 1. 2. 15. Adoprare, sgombrare, temprare ec. per adoperare, sgomberare, temperare ec. si lasciano il più al verso, e solo ad alcuni tempi opportuni, che c'insegnano i maestri del ben parlare; ma rade volte son messi in opera dal favellare sciolto.
239) Dizion. 4° Ed. .
DECAMERONE
Apri Voce completa

pag.60



1) id: 77fb72b17c2643619e44c925ae52edfb)
Esempio: Salv. Avvert. 1. 1. 13. Quanto al nome Decameron, egli si legge tredici volte nel libro del Mannelli, e sempre nella stessa guisa Decameron ec. per la qual cosa si può tener per fermo, che il vocabolo Decamerone ec.