Lessicografia della Crusca in rete

1) Dizion. 2° Ed. .
MASCHIO
Apri Voce completa

pag.502


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
» MASCHIO
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
MASCHIO
Definiz: add. Lat. masculus, masculinus.
Esempio: Bocc. nov. 28. 26. La donna partorí un figliuol maschio.
Definiz: ¶ Per nobile, e generoso, che ha del virile. Lat. masculus, fortis, virilis.
Esempio: Petr. cap. 3. Ch'ogni maschio pensier dell'alma tolle.
Esempio: E Petr. huom. Ill. Intra queste maschie, e magnanime sentenzie, la terza fu pigra, e vile.
Definiz: ¶ Per grande, sfoggiato.
Esempio: Dan. Purgat. c. 27. Quel che par sì membruto, e che s'accorda, Cantando, con colui dal maschio naso.
Esempio: Cr. 1. 8. 3. Il maschio sabbione, o la rena, e 'l carbuncolo darà certane acque, e di molta abbondanza.