Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 672 msec - Sono state trovate 23261 voci

La ricerca è stata rilevata in 77971 forme, per un totale di 54084 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
76469 1502 77971 forme
53208 876 54084 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
200) Dizion. 4° Ed. .
RIMPOLPARE
Apri Voce completa

pag.185



1) id: 3f02b98c468d46aa88f46c36f388c20d)
Esempio: Dant. rim. 16. Onde la piaga del mio cuor rimpolpo.
201) Dizion. 4° Ed. .
GAIAMENTE.
Apri Voce completa

pag.562



1) id: bfe7dea55a7f4540ae639fd9da763e61)
Esempio: Dant. rim. 13. Per prata, e per riviera Gaiamente cantando.
202) Dizion. 4° Ed. .
COSTUMANZA
Apri Voce completa

pag.849



1) id: b33ea343b3104bd9970b432e49be44ec)
Esempio: Dant. rim. 13. Natura, e costumanza Bene è mirabil cosa.
203) Dizion. 4° Ed. .
CUI
Apri Voce completa

pag.877



1) id: 640461514df84340a7a79ee6d04fb6ab)
Esempio: Dant. rim. 26. E di colei, cui son, procaccian danno.


2) id: 6c6cf3504cae4dabadaf6db68d7ea08f)
Esempio: Dant. Inf. 7. Colui, lo cui saver tutto trascende.


3) id: e29397cdaaf14ae1bb1309fd40c8ac24)
Esempio: Dant. Inf. 1. Molti son gli animali, a cui s'ammoglia.


4) id: d6cdee4428fb435da6b02c2dff816038)
Esempio: Dant. Inf. 2. Di cui la fama ancor nel mondo dura.


5) id: 16a7c7f5420c4b92b55ec104fb0a2496)
Esempio: Bocc. nov. 71. 2. Come essi, da cui egli credono son beffati.


6) id: 74a09cb1d6984e719d0f1ff075790c48)
Definiz: §. VI. Nell'ablativo, colla particella DA, o con altre. Lat. a quo, a qua. Gr. ἀφ' οὗ,


7) id: e4d53fc4a5c344c4afa257a296612d2f)
Esempio: E Bocc. nov. 100. 4. Affermandovi, che cui io mi tolga, se da voi non fia, come donna, onorata, voi proverrete con gran vostro danno, quanto grave mi sia l'aver contro a mia voglia, presa mogliere a' vostri prieghi.
204) Dizion. 4° Ed. .
BALLATA
Apri Voce completa

pag.375



1) id: d422054125134f308206823d7a4a6338)
Esempio: Dant. rim. 2. Ballata, i' vo' che tu ritrovi Amore.


2) id: ebcc41a49cfc409495c698d1cebbef20)
Esempio: Franc. Sacch. rim. Tal compitar non sa, che fa ballate.


3) id: 4a2ea02d21b441a289146f70a2b22c0f)
Esempio: E Dan. rim. appresso: Tu vai, ballata, sì cortesemente, Che senza compagnia Dovresti avere in tutte parti ardire.
205) Dizion. 4° Ed. .
STRUGGITORE.
Apri Voce completa

pag.782



1) id: f0edca8260d746e787907347dc7528c1)
Esempio: Rim. ant. Guitt. O struggitor di noi, se ho quì gravezza, Ove è dunque allegrezza?
206) Dizion. 4° Ed. .
PAVENTOSAMENTE
Apri Voce completa

pag.525



1) id: dcb9d3999a1f41d3bd75d519841acda3)
Esempio: Rim. ant. M. Cin. 49. E quei si strigne paventosamente, Che ben conosce quant'è 'l suo valore.
207) Dizion. 4° Ed. .
PIETANZA
Apri Voce completa

pag.618



1) id: 60fe2ba766804cd2b419f903d6fed7b2)
Esempio: Rim. ant. M. Cin. 53. Quella donna gentil, che sempre mai, Poich'io la vidi, disdegnò pietanza.


2) id: 8ecbb346b9ef4326a892ddb1bc1b886f)
Esempio: E Rim. ant. Dant. Maian. 140. Di tanto prego vostra segnoría, In loco di mercede, e di pietanza, Piacciavi sol, ch'eo vostro servo sia.


3) id: 599650941a1541d399b62f4aaa216e64)
Esempio: E Rim. ant. Incert. 118. Mi muovo, e cerco di trovar pietanza.
208) Dizion. 4° Ed. .
AMAREGGIARE.
Apri Voce completa

pag.146



1) id: a0857d5634334062a9844672c027ef8e)
Esempio: Rim. ant. Guid. Cavalc. 66. Questo tormento dispietato, e fero, Che struggendo m'incende, ed amareggia.
209) Dizion. 4° Ed. .
DIREDANO
Apri Voce completa

pag.141



1) id: 665aeb9a91e64b7d82a2b1886d2fe2d2)
Esempio: Rim. ant. Guid. Orl. 141. Al motto diredan prima ragione Diraggio meo parere alla 'ncomenza.
210) Dizion. 4° Ed. .
COMUNO, e COMMUNO
Apri Voce completa

pag.736



1) id: 49dbc13dc2f34c299abbd9ccc3641a46)
Esempio: Rim. ant. Guid. Guin. E ciò vedemo fare a ciascheduno, Che si mette in comuno.


2) id: d31d2920be30426d9172913389afcd38)
Esempio: Rim. ant. M. Onest. da Bol. E voglio aver, che v'è cosa comuna.
211) Dizion. 4° Ed. .
DISMENTIRE.
Apri Voce completa

pag.183



1) id: 449b4f7ef80048289984557f4175b731)
Esempio: Rim. ant. P. N. Ver ben, che non dismente Secondo ben terren, ch'è fastidioso.


2) id: f795f241a83d4db6840de8a29cc21d19)
Esempio: Rim. ant. Dant. Maian. 86. Che validor valente Pregio, e cortesía Non falla, nè dismente.
212) Dizion. 4° Ed. .
DISMISURARE.
Apri Voce completa

pag.184



1) id: 366c3f996bd948ca998e04026291f964)
Esempio: Rim. ant. P. N. Che se uom dismisura, Conservando leanza, Non fa dismisuranza, ec.
213) Dizion. 4° Ed. .
GIULÍO.
Apri Voce completa

pag.624



1) id: e9bc933613514011b39c09db216155a1)
Esempio: Rim. ant. F. R. Feo Belc. Dammi 'l tuo amore, che è sì giulío.


2) id: 01de94790ee44efe81798268704ae435)
Esempio: E Rim. ant. F. R. Feo Belc. appresso: Che tu mi renda il tuo volto giulío.


3) id: 02d4fdb721d6481c9a42dda6e0490110)
Esempio: E Rim. ant. F. R. Feo Belc. appresso: Spero esser fervente ec. Rendendo laude a te tutta giulía.
214) Dizion. 4° Ed. .
INCENDORE
Apri Voce completa

pag.771



1) id: f0a1fc91b96b4951871cd8dde5623411)
Esempio: Rim. ant. E duo guerrieri in fina pace stare, Tra due amori nascere incendore.
215) Dizion. 4° Ed. .
GRANIRE
Apri Voce completa

pag.658



1) id: 97761d9379b9407c9f3fb6eb9eda7a03)
Esempio: Rim. ant. P. N. Inghilfr. Grandezza si consuma, L'erbe dovrian granire, e non fiorire.
216) Dizion. 4° Ed. .
ACCRESCENZA.
Apri Voce completa

pag.42



1) id: d82ed14fcc5544c8ab156714e4f4c86f)
Esempio: Rim. ant. P. N. Buonag. Urb. Sperando lungamente in accrescenza Trar contendenza d'alto signoraggio.
217) Dizion. 4° Ed. .
MINORANZA
Apri Voce completa

pag.248



1) id: 9fcfb8b073f04e3c846631d59733fc68)
Esempio: Rim. ant. P. N. Buonag. Urbic. Ch'io di voi minoranza Nè dico, nè consento.


2) id: edf8a2b124784a048073c9c0aa44a75f)
Esempio: Fr. Giord. Pred. D. Ella ti dimostrò un piccolino uomo; questa minoranza intendi tuttavia, quanto all'apparenza.
218) Dizion. 4° Ed. .
FINIMENTO
Apri Voce completa

pag.465



1) id: 4b265d4905064b67a28cbca6a7f8acbe)
Esempio: Rim. ant. P. N. Che buona comincianza, in dispiacere Torna, se è malvagio finimento.
219) Dizion. 4° Ed. .
FERIRE, e FERERE
Apri Voce completa

pag.431



1) id: 2cc8a037651b4972a8c8d141bc605556)
Esempio: Rim. ant. F. R. Lo strale avventa, e 'n mezzo 'l cuor la fere.


2) id: ecbf0c8f24554ae996ab6611b012b424)
Esempio: Rim. ant. Cin. 48. Signore, io son colui, che vidi amore, Che mi ferì sì ch'io non camperóe.


3) id: 0b5f4f9c6bb74769bef12aa4384552b1)
Esempio: Dant. Inf. 22. Ferir torneamenti, e correr giostra (cioè armeggiare.)


4) id: 84d90cd6a6824079a5d57feb6a5f0656)
Esempio: Dant. Inf. 21. E disse agli altri: omai non sia feruto.


5) id: 3b6f14ad705a44d7b84c5b1ac6765eca)
Esempio: Dant. Purg. 32. E ferío il carro di tutta sua forza.


6) id: 696a7601e5d34e9fb94e36801f39d5df)
Esempio: E Dan. Par. 2. Quasi adamante, che lo sol ferisse.


7) id: dbbdf1e832af4b6e83678529aa9c3992)
Esempio: E Bocc. nov. 77. 54. Il sole, ec. feriva alla scoperta, e al diritto sopra 'l tenero, e dilicato corpo di costei.