Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 721 msec - Sono state trovate 29517 voci

La ricerca è stata rilevata in 136550 forme, per un totale di 105614 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
132793 3757 136550 forme
103276 2338 105614 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
260) Dizion. 4° Ed. .
CONGRUO
Apri Voce completa

pag.764



1) id: 7de3d961f5d549f48afcd9a51c4d13ed)
Esempio: Fir. disc. an. 106. La mattina all'ora congrua se ne andò al convito.


2) id: 62262e06cec248d382157d493e97219c)
Esempio: Cas. lett. 61. Può, e debb'esser vero, che quel proemio sia congruo.
261) Dizion. 4° Ed. .
RACCORTARE.
Apri Voce completa

pag.37



1) id: 95e3f93d54f24ac98ee77ffb223f068d)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 404. I peli delle quali (palpebre) vogliono esser raretti, non molto lunghi, non bianchi, che oltre al far deformità, raccortano il vedere.
262) Dizion. 4° Ed. .
GLOBO
Apri Voce completa

pag.633



1) id: c9e07f74a8b34688a946a51d23aba351)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 403. Viene poi l'occhio, il quale in quella parte di rotondità, ovvero globo visivo, eccettuato la pupilla, dee essere di color bianco.
263) Dizion. 4° Ed. .
RIALTO.
Apri Voce completa

pag.121



1) id: 257f5f9676794f6f8dd1226f0c732542)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 415. Il mento ec. non è arricciato, nè aguzzo, ma tondo, e colorito nel suo rialto d'un colore vermiglietto un poco acceso.


2) id: f18f11b4bc124b87b592d68d5c01f932)
Esempio: Red. Oss. an. 4. In foggia di un lungo, e semplice sacco membranoso, tutto internamente di piccoli rialti, e rabeschi alla rinfusa ricamato.


3) id: add20b611b024cd394fbf09b5d9dba22)
Esempio: Tac. Dav. ann. 1. 16. Il Tribuno mostrava il cattivo in un rialto.


4) id: 8bd9197b394c4270926839c12284e26d)
Esempio: E Tac. Dav. stor. 1. 249. Non contenti d'aver circondato Otone, lo posero in rialto.
264) Dizion. 4° Ed. .
CARTILAGINE.
Apri Voce completa

pag.579



1) id: 2f74615ff492463588ac6c9e2d7cc2fd)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 371. Ma ritornando al naso, diciamo la parte di sopra esser composta di materia solida, e la inferiore di una quasi cartilagine.


2) id: b26fd9561da3481f8039ccbffe0e2dc4)
Esempio: Fir. As. Ella non ti fasciò d'una pelle sì grossa, come hanno gli altri animali così fatti, ma ti coperse di quella cartilagine, che hanno dentro le canne.
265) Dizion. 4° Ed. .
VENUSTÀ, VENUSTADE, e VENUSTATE .
Apri Voce completa

pag.235



1) id: 2451e888028442e19487bdb96a04a98e)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 385. Venustà adunque nella donna sarà uno aspetto nobile, casto, virtuoso, riverendo, ammirando, e in ogni suo movimento pieno d'una modesta grandezza.


2) id: 0760314209ec447caa4204810c1c5bcf)
Esempio: E Fir. dial. bell. donn. 344. Vedremo, che cosa è leggiadría, che vuol dire vaghezza, che intendiamo per la grazia, che per la venustà.


3) id: 983c1554fd6d4151bc9b40631ea19f5b)
Esempio: E Fir. dial. bell. donn. 368. Con tanta grazia, e con tanta venustà, che voi non avete cagione da riporvi, ma sì bene mostrarvi più, che voi non fate.


4) id: 1aa0766bb0ce49ab9258f2b5ac816d04)
Esempio: E As. 156. La presero a domandare qual fusse la cagione, che con così brutto piglio ella adombrasse la venustà de' suoi occhi scintillanti.
266) Dizion. 4° Ed. .
IMPRONTACCIO
Apri Voce completa

pag.753



1) id: e68e2463dec34656a210001aae24bd68)
Esempio: Fir. Trin. 2. 6. O tien le mani a te, presontuoso, improntaccio.
267) Dizion. 4° Ed. .
CICALONACCIO.
Apri Voce completa

pag.659



1) id: 0a6d409fb4fc44e48a8344d9bd5c8e46)
Esempio: Fir. Trin. 5. 1. Ella non voleva, ch'ella lo sapesse; cicalonaccio.
268) Dizion. 4° Ed. .
SBEFFEGGIARE
Apri Voce completa

pag.339



1) id: c390b4d5e29644f8bdab4331737e63e5)
Esempio: Fir. Luc. 4. 4. Sicchè io ho a essere sbeffeggiata a questa foggia?
269) Dizion. 4° Ed. .
MANINCONOSO
Apri Voce completa

pag.150



1) id: e70103320df6488d85b7a1fc1af15837)
Esempio: Fir. Luc. 4. 6. Io la veggio in sull'uscio col marito tutta maninconosa.


2) id: 70b621ddf808447d8beb0a9e6eb61adf)
Esempio: E disc. an. 65. Perchè il Biondo amorevolmente gli disse: Deh, come stava tutta la corte maninconosa.
270) Dizion. 4° Ed. .
BABBACCIONE
Apri Voce completa

pag.361



1) id: 8912e9e59f82411e81f64986837ab937)
Esempio: Fir. Luc. 4. 6. Io vi giuro, babbaccion mio, che questa giovane ec.
271) Dizion. 4° Ed. .
SENTENZIEVOLMENTE
Apri Voce completa

pag.477



1) id: 2efa165c97b449558831445f7843a6ff)
Esempio: Lett. Com. Fir. G. S. Avvegna certo che da nostra potestade sentenzievolmente non fosse ucciso.
272) Dizion. 4° Ed. .
SCARRIERA
Apri Voce completa

pag.368



1) id: 47db470bbf3a4c978a8a4ef08aafef56)
Esempio: Fir. nov. 4. 230. Che dolenti vi faccia Iddio, gente di scarriera.


2) id: 23212519b01d40129d2a4b73e5437d26)
Esempio: Burch. 1. 6. Perocchè vi eran genti di scarriera.
273) Dizion. 4° Ed. .
SDRUCIRE, e SDRUSCIRE
Apri Voce completa

pag.443



1) id: 17f10adfbe704708a647c0ffeed46354)
Esempio: Fir. nov. 7. 269. Cominciò a cercare di sdruscir la camicia.


2) id: 16fa81ee67eb4e46b2cc5fc346309ba0)
Esempio: Bern. Orl. 2. 6. 36. Altro non si ode, che navi sdruscire, Ed alte grida, e pianti da morire.


3) id: 33ba19d7c9774d87b4ebbc452675041b)
Esempio: Bocc. nov. 17. 7. Essendo essi non guari sopra Maiolica, sentirono la nave sdrucire.


4) id: a90d99456b844f43933ff5b450379e54)
Esempio: Serd. stor. Ind. 2. 66. Le navi si percotevano quasi insieme con estremo pericolo di sdrucirsi.


5) id: e9a2387ea4dc448c8e4b8d255b643ae7)
Esempio: Buon. Fier. 3. 3. 2. E mi ricordo come a rasciugarci Volendoci spogliar, s'ebbe a sdrucire I panni ec.


6) id: 03bb123d610f42f2a349c1d845f7bc86)
Esempio: Buon. Fier. 1. 5. 7. Ne sdruce di prosciutto le gran fette.


7) id: 116c11e0860345bfa989e1d6668d636b)
Esempio: Tac. Dav. ann. 1. 24. Così detto, col fior de' suoi sdrucì ne' nostri (il T. Lat. ha scindit agmen)
274) Dizion. 4° Ed. .
IMBROGLIARE
Apri Voce completa

pag.726



1) id: b59df376b3364439adc3aa2ff57dec7e)
Esempio: Fir. Trin. 4. 7. Io penso avergli assai bene imbrogliato il cervello.


2) id: 9a6357ee8e0749e988b0dbbe1b6a47b1)
Esempio: E Malm. 8. 31. Ma basti circa i libri quanto ho detto, Perch'io, che nelli studj non m'imbroglio ec. A qualche error non voglio star soggetto.


3) id: d03a1cf9c25a4beab2d8d15c8b88a059)
Esempio: Malm. 3. 50. E mentre ei pur volea imbrogliar la Spagna, Gli fa l'uscio serrar sulle calcagna.
275) Dizion. 4° Ed. .
FORMOSITÀ, FORMOSITADE, e FORMOSITATE
Apri Voce completa

pag.499



1) id: b7fc47a2fb264c3a86c49a69de748c4b)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 344. Nondimeno quanto alla disposizione ec. queste membra inferiori non conferiscono, ma sì bene conferiscono alla formosità, ovvero bellezza di tutto il corpo.
276) Dizion. 4° Ed. .
IMPUDICAMENTE
Apri Voce completa

pag.756



1) id: a7e32112ce0144ca9167626eaa234e07)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 352. Amano, e contemplano la bellezza l'un dell'altro, chi virtuosamente, come Socrate ec. chi impudicamente, come alcuni scellerati indegni d'ogni nome, e grido.
277) Dizion. 4° Ed. .
FLESSIBILITÀ, FLESSIBILITADE, e FLESSIBILITATE
Apri Voce completa

pag.478



1) id: d993c479df3d4cdd9fa6f88f284562f7)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 376. Le mani ec. colla concava palma, e colla flessibilità delle dita sono atte a pigliare, e ritenere ciò, che a loro piace.
278) Dizion. 4° Ed. .
LUBRICO
Apri Voce completa

pag.90



1) id: 0d9c75aa28e344b7b99b5f588d7205cc)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 369. Ben sapete, che nell'umido nasce il lubrico, e sul lubrico molto più facilmente, che sull'arido, si rivoltano, e volgono tutte le cose.
279) Dizion. 4° Ed. .
CAVERNETTA.
Apri Voce completa

pag.605



1) id: cf6be92ec5274411ba7c302323dd6fe5)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 371. Entro al qual membro ec. sono tre uficj necessarj, il respirare, l'odorare, e 'l fare per quelle cavernette la purgazione del cerebro.