Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 605 msec - Sono state trovate 26144 voci

La ricerca è stata rilevata in 114144 forme, per un totale di 86801 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
111298 2846 114144 forme
85154 1647 86801 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
200) Dizion. 4° Ed. .
FUMMO, e FUMO
Apri Voce completa

pag.545



1) id: 917d87a4892c42968c820585cf7e7482)
Esempio: Nov. ant. 8. 4. Ora che ha venduto fumo, che è la parte disutile della cucina.


2) id: 8e50cfc76d9e400cad91bb4d6f941599)
Esempio: Bocc. nov. 50. 14. Egli è, che dianzi io imbiancai miei veli col solfo, e poi la tegghiuzza, sopra la quale sparto l'avea, perchè il fummo ricevessero, io la misi sotto quella scala.


3) id: f6a4aeb346bf4a8dad0aad5031361e8b)
Esempio: Fir. nov. 1. 183. E se pur vuoi macchiar la tua onestà, sieno le cagioni almen tali, ch'elleno non ti arrechino doppia vergogna, ma te ne scusino in cospetto di tutti coloro, che avesser mai fumo de' tuoi portamenti.


4) id: cfe2889e5fbc4bcbb587946c15faae11)
Esempio: Bern. Orl. 1. 5. 51. Il diavolo in un tratto in fummo è andato.


5) id: 60c70a0dd60049548692b8c230e2cbe4)
Esempio: Fir. Trin. 2. 6. Molto si è rimutato, che sino a iersera non n'ha mai voluto sentir fumo.


6) id: 3ca2148424b64ba49365885f46638603)
Esempio: Bern. Orl. 1. 7. 68. Tanto eri altiero, superbo, insolente, Ora il tuo fumo, e 'l tuo rigoglio è rotto.


7) id: e3367a36cfbb4900a2d4cf31449ff68e)
Esempio: Cr. 2. 3. 3. Il nutrimento, che è nella detta corteccia, si parte da esse, e si risolve in fumo, per la virtù, e caldo del sole.


8) id: 59ae3139bfd74f07afc771c95dd56a18)
Esempio: Cecch. Servig. 4. 10. Quando la roba scema, e cresce i titoli, Manco fumo, e più brace.


9) id: 77aaea09d3ae403690e1379653d98615)
Esempio: E Ber. Orl. 3. 5. 4. Tanta insolenzia, tanto esser manesco, Tanto fumo d'arrosto caverebbe Le ceffate di mano a san Francesco.
201) Dizion. 4° Ed. .
GINOCCHIO
Apri Voce completa

pag.606



1) id: 1a2e5f8c8aae4c59a8e204b5d59e9b3d)
Esempio: Nov. ant. 83. 4. E fecele mettere un bel sottano, il quale le dava a ginocchio.


2) id: d3f37520df5c44a5b1aaa966bd6d7b2d)
Esempio: Bern. Orl. 3. 1. 64. Giunselo appunto, ove l'avea segnato, Sotto al ginocchio al fondo dell'arnese.


3) id: 26339bc0944b47cda9cadae9d87ff332)
Esempio: Red. cons. 1. 26. Osservo parimente, che ec. la gotta produce altresì a lungo andare i tufi, ed i calcinacci nelle articolazioni delle mani, de' gomiti, de' piedi, e delle ginocchia.
202) Dizion. 4° Ed. .
DISCACCIATO
Apri Voce completa

pag.157



1) id: cdf5a9e4e7f24cf49ffd098e8e20c20b)
Esempio: Nov. ant. 7. 4. Allora lo giovane prese tutto l'oro, e diedelo a questo Re discacciato.
203) Dizion. 4° Ed. .
RISGUARDARE
Apri Voce completa

pag.224



1) id: 35a0d1747c464919aba5581ca0100b8d)
Esempio: Nov. ant. 5. 4. E la madre, che questo risguardò, n'ebbe tale allegrezza, che cadde morta.


2) id: 838150e16d8a43d593bae33d8fa1e3fa)
Esempio: E N. ant. nov. 6. 1. Era un fabbro, che tutto tempo lavorava di sua arte, e non risguardava nè Domenica, nè Pasqua, nè altra festa (cioè: non avea riguardo, non osservava)


3) id: 674fb3fff1054e2db882dac7cdebf26f)
Esempio: Boez. Varch. 2. pros. 3. Questa volta è la prima, che ella t'ha con invidioso occhio risguardata.


4) id: c463bf739fa345e08bd2cf0d8b820561)
Esempio: Bemb. Asol. 1. 53. Questi al sasso risguardando, e della caduta sgomentandosi, sta continuamente in questa pena.


5) id: fd7c86ffd255441d8e998df73bb6bc8a)
Esempio: Fr. Iac. T. 3. 18. 2. Risguarda a questa schiera, Preghiamoti, Signor, fanne sì forti, Che non curiam le morti.
204) Dizion. 4° Ed. .
SUSTANTE.
Apri Voce completa

pag.821



1) id: 4bc79c2826024b57998e970c24348d4c)
Esempio: Nov. ant. 51. 4. Appresso il fece rizzare in sustante, e gli cinse una bianca centura.
205) Dizion. 4° Ed. .
CELABRO.
Apri Voce completa

pag.611



1) id: 4816c8b18ec94cfcbbac30adc9ed931b)
Esempio: Nov. ant. 4. 3. Alcuno de' savj riputava movimento d'omori ec. chi dicea infermità di celabro.


2) id: 5223456f3c664b2ca5f31e2114bd85c1)
Esempio: Bemb. As. 2. Quasi col celabro dormono loro gli occhi sempre nel capo.
206) Dizion. 4° Ed. .
UNQUEMAI,
Apri Voce completa

pag.313



1) id: 915f5c0ebe8747aba84f10dfeb3f890a)
Esempio: Nov. ant. 3. 4. E questo si scrisse per lo minore dono, ch'egli facesse unque mai.
207) Dizion. 4° Ed. .
BACIARE, e BASCIARE
Apri Voce completa

pag.364



1) id: 0b15498039c04556982569a4549d785a)
Esempio: Nov. ant. 97. 4. Smontaro, e legaro il cavallo a un albero, e prese a basciarla.


2) id: 05a23d9eb5c448bba76199704d130715)
Esempio: Bocc. nov. 44. 5. E questo detto, una volta si baciarono alla sfuggita.


3) id: 1071c28d8eb84b23bdf16d9848f6b019)
Esempio: E Bocc. nov. 27. 40. Aldobrandino, lagrimando pietosamente, tutti ricevette, e baciandogli in bocca ec.


4) id: 46b0be02295c494c9bd18604411f12c4)
Esempio: Bocc. nov. 12. 17. Contentate il piacer vostro d'abbracciarmi, e di baciarmi, che io abbraccerò, e bacerò voi.


5) id: dc06949e52fb4b8ea67b809f8cc653c5)
Esempio: G. V. 4. 33. 2. Fecelo levare, e baciollo in bocca, in segno di pace.


6) id: 38ae0b593b754893a899a5afd055dac8)
Esempio: E G. V. 10. 164. 2. E baciollo in bocca, e perdonogli.


7) id: 75f26da2f9194ba2a7d550c0ddace1bc)
Esempio: Bern. Orl. 1. 4. 23. E baciatili (all'Imperadore) i piè, licenza prende.


8) id: 11f3cc7999ab43d7b8c35047da324da2)
Esempio: Bern. Orl. 1. 14. 57. Un gran baciare, un gran toccar di mani.


9) id: 5e9fbe55146c423fb8777e8fb24863b3)
Esempio: Malm. 1. 79. Già che tutti voltato avean mantello, Comandò, che baciasse il chiavistello.
208) Dizion. 4° Ed. .
FORZOSAMENTE
Apri Voce completa

pag.510



1) id: df2a4114ab9d4ff3ab62e732988a436a)
Esempio: Rim. ant. P. N. Guitt. Pugnan dunque valer forzosamente.
209) Dizion. 4° Ed. .
MENZONIERE, e MENZONIERO
Apri Voce completa

pag.210



1) id: 52d2dcafb5b243cc9bb58154dbdf9fdf)
Esempio: Amm. ant. g. 47. Nell'amore è sempre menzoniera l'ira.
210) Dizion. 4° Ed. .
RIPRENDIMENTO
Apri Voce completa

pag.213



1) id: 187cefc45f4e4b1cb0e43e0a901669c4)
Esempio: Amm. ant. 40. 9. 4. Quando il riprendimento s'accende.


2) id: 47e31c799426459f8727ffe8c47ff509)
Esempio: E Amm. ant. 40. 9. 5. La mente del corretto viene subitamente ad odio, se lo stemperato riprendimento lo molesta più, che non dee.
211) Dizion. 4° Ed. .
FABBRICATO
Apri Voce completa

pag.327



1) id: 2a4b82c996544040aa48636759111cdb)
Esempio: Amm. ant. 2. 4. 2. Usanza è come una fabbricata natura.
212) Dizion. 4° Ed. .
TIGNOSO
Apri Voce completa

pag.76



1) id: 1ec69870d1d649fe9ebc20cc9d4af429)
Esempio: Nov. ant. 50. 2. Pigliarsi a' capelli; lo passeggiere gli puose la mano in capo; quegli era tignoso.


2) id: cc05368c8a7e40abb38aa85c11aaa134)
Esempio: Bocc. nov. 50. 23. Non mi pongo con ragazzi, nè con tignosi.


3) id: 70e3f96e43db4c32afa90534a4c622e1)
Esempio: Car. lett. 1. 45. Avendo più bisogno di voi, che 'l tignoso, come si suol dire, del cappello.


4) id: d6ebb5fe1f534a268692ef0848a733cd)
Esempio: Varch. Suoc. 3. 4. Io ho maggior bisogno di trovar Gualtieri, che non ha il tignoso del cappello.
213) Dizion. 4° Ed. .
NOVISSIMO
Apri Voce completa

pag.365



1) id: a054e068c036427294167e8fb95566c8)
Esempio: Nov. ant. 8. 2. Il Soldano, per la molto novissima cosa, raunò savj, e mandò per costoro.


2) id: df82e21987c841df8b9ba0df2c7deb88)
Esempio: E N. ant. nov. 91. 1. Dissegli, come avea trovato una novissima bestia, e non sapea suo nome.


3) id: 9627f8ebc4ee4d06bd05af89f41be80a)
Esempio: Tac. Dav. ann. 2. 37. Contavano i tornati più di lontano miracoloni di bufere, novissimi uccelli, mostri marini, ec.
214) Dizion. 4° Ed. .
MALAGURA
Apri Voce completa

pag.127



1) id: 5f046a24824846f291b7a69eba7fe53a)
Esempio: Nov. ant. 8. 2. Recolsi a malagura, e a noia, e prese questo povero Saracino, e dissegli.
215) Dizion. 4° Ed. .
DANAIO
Apri Voce completa

pag.8



1) id: 68371562996b49a49d46b60a62fc5e75)
Esempio: Nov. ant. 94. 2. Usavansi allora le medaglie in Firenze, che le due valevano un danaio piccolo.


2) id: 554a0707a7fe46b3ba94e92bca0fe767)
Esempio: Bocc. nov. 84. 6. Volendo per andarsene l'oste pagare, non si trovò danaio.
216) Dizion. 4° Ed. .
ONIRE
Apri Voce completa

pag.406



1) id: 79fea092174544e5b0f180e3b111e078)
Esempio: Nov. ant. 39. 2. Or ci dì', Guiglielmo, perchè hai tu così onite le donne di Provenza?
217) Dizion. 4° Ed. .
A NOIA
Apri Voce completa

pag.208



1) id: 097fbfcf37f944d5826616aa82f27e76)
Esempio: Nov. ant. 8. 2. Recolsi a malagura, e a noia, e prese questo povero Saracino, e dissegli.


2) id: d292574b746d418fab5d7fc76596a2aa)
Esempio: Sen. ben. Varch. 2. 5. Quinci nascono quelle voci, che il dolore fa mandar fuori agli animi generosi, quando venuto loro a noia il tanto aspettare, cominciano ad avere in odio il benefizio.
218) Dizion. 4° Ed. .
TEMENZA.
Apri Voce completa

pag.28



1) id: 4d1dc2cfe7c04f5eb568438cf7618d44)
Esempio: Nov. ant. 82. 2. Alquanto ebbero temenza, ma pur se li pararon dinanzi per sapere, perchè fuggiva.


2) id: 1308cc7a64fd42f9a034683243103ddc)
Esempio: Bocc. nov. 97. 9. Digli, che a morte vegno, Celando per temenza il mio volere.


3) id: 2eb3eb73019d4e2a832160687f98b858)
Esempio: G. V. 4. 19. 2. Ma per temenza di morte quasi come monaca si nutricava.


4) id: 99d8b88cf20f438e86bcc2a08824e434)
Esempio: Petr. canz. 18. 2. Oh se questa temenza Non temprasse l'arsura, che m'incende.
219) Dizion. 4° Ed. .
VITALBA.
Apri Voce completa

pag.290



1) id: 0b5dbb5bfa494e97889bbc17943135c8)
Esempio: Nov. ant. 49. 2. Lo cavallo per la fame aggiunse colla bocca a questa vitalba per roderla.


2) id: 4dfb3294e67d47ecad07d9dc2cb3b6b6)
Esempio: Bern. Orl. 2. 20. 2. E con una vitalba cinta stretta Arrandellarsi com'un salsicciuolo.


3) id: e51dc3ecbd6c45d1912ac64c8a4b247a)
Esempio: Cr. 6. 49. 1. La flammula, ec. è somigliante alla vitalba nelle foglie, e ne' fiori.


4) id: 9bb7f94ec2eb4373b332228cf5c6ea81)
Esempio: Alam. Colt. 4. 86. Altri della vitalba, altri scalogni.