Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 687 msec - Sono state trovate 29080 voci

La ricerca è stata rilevata in 111042 forme, per un totale di 81161 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
109039 2003 111042 forme
79959 1202 81161 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
160) Dizion. 4° Ed. .
TERZERUOLA
Apri Voce completa

pag.67



1) id: 44afa7e60d4849f498670b4eb7342592)
Definiz: Spezie di misura di vino.


2) id: dbe59cf9ecec496badf956e586ac6e22)
Esempio: M. Aldobr. Metti in una terzeruola di vin cotto, e fa bollire.
161) Dizion. 4° Ed. .
CONVENTUALE
Apri Voce completa

pag.804



1) id: 9bbb5db615f043aba5d283c0b8ab434a)
Definiz: Di convento, Di stanza permanente.


2) id: 6a7db5538cfc473e98856c90370b2e07)
Esempio: Borgh. Vesc. Fior. 419. Nè è dissimile la fortuna della voce conventuale ec. che presa nel principio per quelli, che viveano in convento a vita regolata insieme ec. cominciò questa voce a significare fuor di regola, e d'osservanza.
162) Dizion. 4° Ed. .
CHERUBICO.
Apri Voce completa

pag.637



1) id: 1580fa5b46074a4e86f956f849e125fc)
Definiz: Add. Di qualità di Cherubino.


2) id: ce6c765087ee4b8f9b175b63d1cce287)
Esempio: But. Di cherubica luce, cioè di luce d'intelletto simile a quella de' cherubini.


3) id: 1c3e768e18ad45f49b5f3208a1f0f06b)
Esempio: Dant. Par. 11. L'altro per sapienza in terra fue Di cherubica luce uno splendore.
163) Dizion. 4° Ed. .
DI SEGRETO
Apri Voce completa

pag.173



2) id: 349aa1aacd8e413d853ecb157141a846)
Esempio: G. V. 8. 63. 2. Faccendo a loro venire le genti di segreto.


3) id: fc05c029a2364bb49291caaec35bcbe2)
Esempio: Cecch. Spir. 1. 1. All'ultimo Io la tolsi per donna di segreto A tutt'i miei.


4) id: 259032466e4248e39e6f3d8d6248ddab)
Esempio: Sen. ben. Varch. 2. 9. Dicono dunque tutti i savj, che de i benefizj, alcuni si debbono dare palesemente, ed alcuni di segreto.
164) Dizion. 4° Ed. .
DI SEGUENTE
Apri Voce completa

pag.173



2) id: e4156b3168114ce599923477d8cdc408)
Esempio: Petr. uom. ill. E di seguente menando il consolo la gente tra la terra, e 'l fiume.
165) Dizion. 4° Ed. .
ELETTORALE.
Apri Voce completa

pag.277



1) id: 84fa162c52804467b16467ffb1171bb7)
Definiz: Di Elettore.


2) id: 9b5ddc462bfa4f908c36348fe215a6df)
Esempio: Red. lett. 1. 130. Si è cominciato a vedere qualche tumore ne' piedi di S. A. S. Elettorale.
166) Dizion. 4° Ed. .
DI SFUGGIASCO.
Apri Voce completa

pag.178



2) id: 590e2a32c77a4bd28d294a9e6d099a25)
Definiz: Posto avverbialm. Di soppiatto, Di nascosto. Lat. furtim, clam. Gr. λάσθραλάθρᾳ, κρύφα.


3) id: 8514bf6084e5413291014144b53af575)
Esempio: Dav. Scism. 75. Il fuoco della resía al forte soffiare della corte, e alla fiacca resistenza de' buoni impigliò tutta l'Isola, se non se alcune messe si dicieno, e udieno di sfuggiasco.
167) Dizion. 4° Ed. .
DI SICURO.
Apri Voce completa

pag.180



2) id: d803ce281c1142c3a2f1c559275f3089)
Esempio: Segn. Mann. Lugl. 20. 2. Se non contravieni a questo precetto, almeno è di sicuro, che non l'adempi.
168) Dizion. 4° Ed. .
DI SOPERCHIO.
Apri Voce completa

pag.187



2) id: cf135994de8b4627af6954ea5f4755ff)
Definiz: §. E Di soperchio, in vece d'aggiunto, vale Superfluo. Lat. supervacuus, superfluus. Gr. περισσός.


3) id: 5c93309dd81240c5a398bda2c90090cf)
Esempio: Bocc. nov. 2. 7. Al mio parere questa tua andata è di soperchio.


4) id: b46ce1311e15443995ff9597a051e6d1)
Esempio: Cron. Morell. Per adempiere quello, che dinanzi fu promesso, come che di soperchio sia.


5) id: 899d4027f67743efa43395854e464f02)
Esempio: Bocc. nov. 64. 12. Sicchè il vino, il quale egli di soperchio ha bevuto, si fosse molto bene inacquato.
169) Dizion. 4° Ed. .
DI SOPPIANO.
Apri Voce completa

pag.187



2) id: 21715fc1fe73479b94da2f6837ee506a)
Esempio: Buon. Tanc. 1. 1. Io giunsi giù da Mensola in que' greppi Due, che ne cicalavan di soppiano.
170) Dizion. 4° Ed. .
DI SOPPIATTO.
Apri Voce completa

pag.187



2) id: edfd64b7ace44e189230c2e8ad3aca59)
Esempio: Malm. 1. 75. E di soppiatto, come fante lesto, Cavò di tasca certi cartoccini.


3) id: b4d3ebf27a68405aad948121ed8df7dd)
Esempio: Libr. cur. malatt. Perchè l'apoplessia, e l'epilensia ci vengono addosso di soppiatto.


4) id: 2d541f8c0ac6452aaa77267e4c333d88)
Esempio: Cant. Carn. 205. Per dirvi appunto come vada il fatto, E' se ne vende ben, ma di soppiatto.


5) id: 87aa9a81fca04571bbb96e4e6e52b877)
Esempio: Fr. Giord. Pred. Vi sono certi fornicatorelli di soppiatto, che quasi tante volpette sporcano, e guastano la vigna del Signore.
171) Dizion. 4° Ed. .
DI SOPRA,
Apri Voce completa

pag.187



2) id: 5a647d4a0ee64ef39009d22352d64566)
v. AL DI SOPRA.

3) id: c1abde7601e94cc6aff47da196ec4f4d)
v. AL DI SOPRA.

4) id: 2abd078aa11649ef803b003df4784298)
Definiz: che anche si scrive DISOPRA, e DI SOVRA. Avverb. che significa superiorità di luogo. Lat. supra. Gr. ἄνωσθενἄνωθεν.


5) id: 31d382839d1d4136bc90cdec73f5b164)
Esempio: Dant. Purg. 6. Tu la vedrai di sopra in sulla vetta.


6) id: 417fcbe2889f409eb9e038a2e85799bc)
Esempio: Cron. Morell. 279. Vi farò memoria del valente, e divoto uomo frate Giovanni Domenici dell'ordine de' frati Predicatori, e di certi suoi ammaestramenti, come di sopra promisi.


7) id: fcc0da8f04cc4cc082bb669f2be56d8c)
Definiz: §. II. Talora dinota anteriorità di tempo, e vale Innanzi. Lat. supra, ante. Gr. ἄνωθεν.


8) id: 4a79fcb6680f447fa01893b852cf0467)
Definiz: §. I. Talora è avverb. locale, e denota moto a luogo, e moto di luogo, e vale Alla parte superiore, o Dalla parte di sopra. Lat. sursum, desursum. Gr. ἄνω, ἄνωθεν.


9) id: d73497fd443442b9aa34e185d49d6ce3)
Esempio: Varch. Ercol. 71. Perchè la sua stia, e rimanga di sopra, e quella dell'avversario al disotto.


10) id: f51c862bdd0a4ab084ee266fde24de21)
Definiz: §. III. Coll'articolo ha forza di sust. siccome molti altri avverbj, e significa La parte superiore. Lat. pars superior. Gr. τὸ ἀνώτερον.


11) id: 33526006b5cd40eea65ed8b5eb02c771)
Esempio: E Cr. 12. 1. 3. La terza cosa è l'umor della piova, e della rugiada, e delle nevi, che di sopra vengono.


12) id: 67e463aacf5c415ca555c49ef526cd18)
Esempio: Red. cons. 1. 259. Fu allora, che ella cominciò ad accorgersi de' flati, e rugiti negl'ipocondri, come di sopra si è detto.


13) id: 47708ba5ca804ca9850aa3f260254938)
Esempio: Dant. Par. 31. Nè lo 'nterporsi tra 'l disopra, e 'l fiore Di tanta plenitudine volante Impediva la vista, e lo splendore.


14) id: 6a5a6eb8385b4c57b1efbd731d6ba024)
Esempio: Cr. 5. 2. 7. Ne' seguenti anni almanco tre, o quattro fiate si cavi attorno, acciocchè possa ricever la piova, che di sopra viene.


15) id: 1bee4313e8684f56a3e24b7a1bba737c)
Esempio: Bocc. nov. 13. 3. Il che quantunque ec. tutto il giorno si mostri, ed ancora in alcune novelle di sopra mostrato sia, nondimeno ec.


16) id: 472aa87caa8a4e86940d965175f71e8e)
Esempio: Dant. Purg. 8. Ed io vi giuro, se di sopra vada, Che vostra gente onrata non si sfregia Del pregio della borsa, e della spada.


17) id: 03936feb81ce45c5967cec08eda1f42a)
Definiz: §. V. Voler, che la sua stia di sopra, vale: Voler, che la sua opinione si anteponga a quella degli altri. Lat. superiorem in dicendo esse velle.
172) Dizion. 4° Ed. .
DI SOPRA.
Apri Voce completa

pag.187



2) id: 1299ad310fdf474fbfaba164e6420e41)
Esempio: Ricord. Malesp. 143. E il corpo di Federigo fece portare a soppellire onorevolmente alla chiesa di Monreale di sopra alla città di Palermo.


3) id: 269183f21890402aa4c8bc82345a8dcc)
Esempio: Tes. Br. 4. 5. Delfino è un grande pesce, e molto leggiere, che salta di sopra dell'acqua, e sono stati di quelli, che sono saltati di sopra delle navi.


4) id: 574f865c9d6c4500831e04f968d0fb63)
Esempio: Dant. Purg. 29. Giurato avria poco lontano aspetto, Che tutti ardesser di sopra da' cigli.


5) id: 4c266353826542118db4b2c3bbece209)
Esempio: Amet. 17. Ameto alla venuta delle due ninfe di sopra i verdi cespiti levò il capo.


6) id: 1fa6c926ce3f4c068db1f04eaee9c2dd)
Esempio: Petr. son. 96. Poi tornai indietro, perch'io vidi scritto Di sopra il limitar, che 'l tempo ancora Non era giunto al mio viver prescritto.


7) id: eca62247ee9a4bb29d0213a941f1a1ce)
Esempio: Lab. 352. Parvemi vedere surgere a poco a poco di sopra alle montagne un lume, non altrimenti che avanti la venuta del sole si lieva nell'oriente l'aurora.


8) id: 0fa8aaf39eb9468f8dac257fdc53e2bb)
Definiz: Preposizione, lo stesso, che Sopra preposizione; si usa col terzo caso comunemente, ancorchè benissimo s'adoperi anche col quarto, e (benchè più di rado) eziandio col secondo, e col sesto. Lat. supra. Gr. ἐπανω, ὑπέρ.
173) Dizion. 4° Ed. .
DI SOTTERRA.
Apri Voce completa

pag.189



2) id: 03e9bbc2dbca4bfa8e55abf5029b5437)
Definiz: Posto avverbialm. vale Di sotto la terra. Lat. e terra. Gr. γῆθεν.
174) Dizion. 4° Ed. .
DI SOTTO,
Apri Voce completa

pag.189



2) id: d5ca7b44a9334e089b272a70d6ed20dd)
Definiz: §. I. Di sutto in vece di Di sotto, per la rima disse


3) id: eba2aad384734873899f1b33c1a24fb1)
Esempio: Varch. Lez. 635. Quella maniera di versi ritrovata da monsignor messer Claudio Tolomei, della quale favelleremo liberamente di sotto ec.


4) id: 6114a7e3b8554935b1452a1e6066b0b9)
Definiz: §. III. Di sotto in su, si dice delle figure, o d'altro posto in alto, e visto dalla parte di sotto v. Vocab. Dis. alla voce Sotto in su.


5) id: 94dd6741a58947539aa4f574260b896a)
Definiz: §. II. In forza di nome, e vale La parte inferiore. Lat. imum. Gr. τὸ κατώτερον.


6) id: 3af39904f130481499bd61589d17142c)
Esempio: Borgh. Rip. 412. Vi dipinse i dodici imperadori, posanti sopra certe mensole, che scortano le vedute al disotto in su (quì in forza di sust.)


7) id: 398f5d0a88b4446a84b8e9d1db9c4ee2)
Esempio: Dant. Inf. 11. Ma perchè frode è dell'uom proprio male, Più spiace a Dio, e però stan di sutto Gli frodolenti, e più dolor gli assale.
175) Dizion. 4° Ed. .
DI SOTTO.
Apri Voce completa

pag.190



2) id: 79451ed5624e47e8b560b18e764417d1)
Esempio: E Dan. Par. 32. Siede Rachel di sotto da costei.


3) id: 1172e3f541b54b4484a8e01ca7588dea)
Esempio: Pass. 41. E altrettanto n'era di sotto a' piedi loro.


4) id: 23251d7e9e984164889953956a07da54)
Esempio: E Dan. Purg.9. E di sotto da quel trasse due chiavi.


5) id: 302ba14d08a44012a9476b8bc27996f1)
Esempio: E Dan. Par. appresso: E gli altri scanni Di sotto lui cotanta cerna fanno.


6) id: c61f31fb13f8473e95f17ab4be287a42)
Definiz: §. I. Essere al di sotto, vale Esser inferiore. Lat. imo, inferiori loco esse. Gr. ὑποκάτω εἶναι.


7) id: 706b2a7024654aabbdfc8f1e8415b37d)
Esempio: Cr. 2. 16. 2. Quando il calore del sole lieva in alto l'umore di sotto della terra ec. diventa continuamente il campo caldo, ed umido.


8) id: b26338de5cb546f5818034dd075aa6cf)
Esempio: Dant. Purg. 2. Poi d'ogni parte ad esso m'apparío Un, non sapea che, bianco, e di sotto A poco a poco un altro a lui n'uscío.


9) id: ac158a042c4345be88354770a32d95f7)
Definiz: Preposizione, lo stesso, che Sotto, Dalla parte di sotto; si usa col terzo caso, e anche col secondo, col quarto, e col sesto. Lat. subter. Gr. ὑπένερθεν.


10) id: c76ace82381448a8a173e093f86dffc0)
Esempio: Lab. 208. Lieva quello spilletto, che mi hai sotto l'orecchia posto, e ponlo più là un poco, e fa' più stretta la piega a quel velo, che andar mi dee di sotto il mento.
176) Dizion. 4° Ed. .
DI SOVERCHIO.
Apri Voce completa

pag.190



2) id: 5327b284bd164366ac53621352035c26)
Esempio: Alam. Colt. 5. 111. Lo strettissimo, ancor che mostri avaro Di soverchio il padron, di biasmo è degno.


3) id: d8c3f1adc7f143bdba2fb8a3c2478d7c)
Esempio: Red. cons. 1. 243. Io consiglierei almeno a moderarsi nell'uso col non ne prendere di soverchio, e più di quel, che convenga.


4) id: d2157cc49ec44b2f931d06c88ad4da75)
Esempio: Cas. lett. 38. Anzi mi è parso molte volte, che l'amor suo verso di me sia stato di soverchio e pronto, e ardente.


5) id: ad8910b8bc044f8485aecd64cdb67333)
Definiz: Posto avverbialm. lo stesso, che Di soperchio. Lat. immodicè, immoderatè. Gr. ὑπερμέτρως.


6) id: 1a48c16a7d55412f86dd46174ff788bc)
Esempio: Sen. ben. Varch. 6. 33. Tu hai una trista oppenione de' fatti tuoi ec. se andando le cose bene, tu sei di soverchio.
177) Dizion. 4° Ed. .
DI SOVRA.
Apri Voce completa

pag.190



2) id: 484d7a88dad74501b949da3db5b68825)
v. DI SOPRA.
178) Dizion. 4° Ed. .
DI SOVRAPPIÙ.
Apri Voce completa

pag.190

179) Dizion. 4° Ed. .
DI ENTRO
Apri Voce completa

pag.102



2) id: 12547e8741c446ed8a0036e17ae7793b)
Esempio: E Dan. Par. 12. Nascendo di quel d'entro quel di fuori.


3) id: e60e0701c3d14b5db5da6410a4db6de0)
Esempio: M. V. 11. 20. Il perchè quei d'entro inviliti, intorno di sessanta di loro di notte si gittarono per uno dirupato.


4) id: 431e378c7caf4f7faf3c2323860f39b8)
Definiz: Dalla parte di dentro. Lat. intus. Gr. ἔνδον .


5) id: 25c11c0890e04c31bcf1cb17d0791ab7)
Esempio: Pass. 190. Amare Dio con tutta la mente è, che tutti i sentimenti e que' d'entro, e que' di fuori intendano a Dio.