Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 874 msec - Sono state trovate 28359 voci

La ricerca è stata rilevata in 124340 forme, per un totale di 94636 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
120961 3379 124340 forme
92602 2034 94636 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
180) Dizion. 4° Ed. .
REMEGGIO.
Apri Voce completa

pag.99



1) id: d489b62584fa4e4d82e6bafee13937e9)
Esempio: Tac. Dav. stor. 3. 415. Avendo due prúe eguali, e remeggio a ogni mano.


2) id: 8edb946828a94b3096e35ce28dbbf924)
Esempio: E Tac. Dav. stor. 5. 371. Mise in battaglia la sua, minore di numero, ma di remeggio, governo, e grandezza di navi superiore.
181) Dizion. 4° Ed. .
ORATORIO.
Apri Voce completa

pag.417



1) id: 38d0d7282d0249dbb6cf11e744d7081c)
Esempio: Tac. Dav. Perd. eloq. 420. Chi non la intendesse, e separasse dalla pratica la scienza, conceda, che l'animo pieno di scienza verrà più a ordine alle prove oratorie.
182) Dizion. 4° Ed. .
ACCANIRE.
Apri Voce completa

pag.24



1) id: 4a6b620d79a04cf0bae1b05e5416cbab)
Esempio: Tac. Dav. ann. 4. 95. Sentendosi Cesare dirsi troppo crudo nel punire, più s'accanì.
183) Dizion. 4° Ed. .
SAGRAMENTARE.
Apri Voce completa

pag.298



1) id: 707074c54e36489bbd8c9c2e018e7a5e)
Esempio: Tac. Dav. ann. 4. 90. Sagramentava Cornuto essere innocente (il T. Lat. ha adseverabat)


2) id: 9b4d1101ba1b43a5ba25d641c144b69b)
Esempio: Bern. Orl. 1. 20. 59. Sagramentando di nuovo a Macone, Che ne farebbe Angelica pentire.
184) Dizion. 4° Ed. .
AGGIORNARE.
Apri Voce completa

pag.85



1) id: c72963580b914d72b21949c5bf4700bb)
Esempio: Tac. Dav. ann. 4. 87. Cesare disse, che l'aggiornare le parti stava a' Magistrati.


2) id: 81d526ed8a3145f89d71604fb741bd8f)
Esempio: E Liv. M. appresso: Quando egli s'aggiorna, i Romani s'avacciarono un poco più d'ordinare loro battaglie.
185) Dizion. 4° Ed. .
CIPIGLIO.
Apri Voce completa

pag.670



1) id: 37cf7317a08548c9964c409bb5431dd9)
Esempio: Tac. Dav. ann. 4. 101. Tiberio sempre il guardava con cipiglio, o ghigno falso.


2) id: f7a31c56e16a4f929a3e7bf12594f52d)
Esempio: Malm. 4. 80. Si prova a far cipiglio, e bocca bieca, Nè men questa è però buona ricetta.
186) Dizion. 4° Ed. .
GRILLAIA
Apri Voce completa

pag.673



1) id: ad31326c57b643a3b829f1b407fc43fc)
Esempio: Tac. Dav. ann. 1. 8. E dannoci in nome di poderi, pantani, e grillaie.


2) id: 81a632b122b94c5cb0db723a75f9b5ac)
Esempio: E Tac. Dav. Post. 437. Humida paludum, et aspera montium, disse nel primo, e noi: pantani, e grillaie.


3) id: 90c3e611d7ec454ba463ebe17dcb2a54)
Esempio: Buon. Tanc. 1. 3. Purchè la Tancia m'ami, Vadia mal la mia grillaia, Tolga 'l vento il gran sull'aia, E l'ulive d'insu' rami.
187) Dizion. 4° Ed. .
CATASTARE.
Apri Voce completa

pag.591



1) id: 9759d126623a454ab89da3c68441594a)
Esempio: Tac. Dav. ann. 1. 12. Tutti sotto Germanico intento allora a catastare le Gallie.
188) Dizion. 4° Ed. .
ACCOLTELLATORE.
Apri Voce completa

pag.34



1) id: a3109dbdcd844c739292600d7193c774)
Esempio: Tac. Dav. ann. 1. 27. Druso celebrò lo spettacolo già promesso ec. degli accoltellatori.
189) Dizion. 4° Ed. .
PIAGNISTÉO.
Apri Voce completa

pag.599



1) id: 80154264cb8b4b689d8fc1ffe7ae846b)
Esempio: Tac. Dav. ann. 1. 15. Escono de' padiglioni; che piagnistéo? che sì dolente spettacolo?


2) id: a55a968a429d4601943af5cff11f4796)
Esempio: E Tac. Dav. ann. 13. 163. Fornito il piagnistéo, egli venne in senato.


3) id: 972c2a7b633d4ca8a302c65812c96f19)
Esempio: Malm. 1. 17. E passandola sempre in piagnistéi, Pigra si sta, come non tocchi a lei.
190) Dizion. 4° Ed. .
ABBIOSCIATO.
Apri Voce completa

pag.11



1) id: e15583f5961d4ae988c11d8f32008f13)
Esempio: Tac. Dav. ann. 1. 24. E quei feroci, nella bonaccia abbiosciati, nella tempesta morieno.
191) Dizion. 4° Ed. .
ABBOTTINATO.
Apri Voce completa

pag.14



1) id: 4ba8a989e43a469ca60980d3d27a86b5)
Esempio: Tac. Dav. ann. 1. 21. Non temiam d'un giovanastro novello, e d'un esercito abbottinato.


2) id: a6b2806e7f8b40538aa44ba09c6b3047)
Esempio: E Tac. Dav. ann. 2. 34. Quegli essere Romanastri dell'esercito di Varo, abbottinati per non avere a combattere (quì nel secondo significato d'Abbottinare.)
192) Dizion. 4° Ed. .
INTANARE
Apri Voce completa

pag.871



1) id: 23799364d85a4ee0b1afe28824463311)
Esempio: Tac. Dav. ann. 2. 54. Allora i Cilici, voltate le spalle, intanano nel castello.
193) Dizion. 4° Ed. .
INALBERATO, e INNALBERATO
Apri Voce completa

pag.759



1) id: c524a2c5584c46a384b15624cf7519fd)
Esempio: Tac. Dav. ann. 2. 35. Alcuni con laida fuga inalberati s'appiattarono fra i rami.
194) Dizion. 4° Ed. .
AMMACCHIARE.
Apri Voce completa

pag.153



1) id: 795d16e885ed4d1795fb4521052262ef)
Esempio: Tac. Dav. ann. 3. 70. Floro s'ammacchiò; vedendo poi presi i passi dell'uscita, s'uccise.
195) Dizion. 4° Ed. .
SCATURIRE
Apri Voce completa

pag.368



1) id: ed072ede4a8544268fec2938736e5dc5)
Esempio: Tac. Dav. stor. 4. 365. Quindi (dal monte Libano) ne scaturisce il fiume Giordano.
196) Dizion. 4° Ed. .
AVVENTATO
Apri Voce completa

pag.350



1) id: 287fc7973f274890ac12a756d88a0fa0)
Esempio: Tac. Dav. stor. 4. 334. Tra' Caninefati era un Brinio, avventato bestione, d'alto legnaggio.


2) id: 848d4bbb5fb74faa90e74f35664f1d22)
Esempio: Car. lett. G. 7. Vi replico ec. che non sono avventato, e che non tengo poco pensiero dello sdegno, e della imputazion vostra.


3) id: 990a44da42de4b39a15b34385c1f056c)
Esempio: Malm. 5. 22. Che Baconero, il qual è un avventato, Nel dar la palla all'altro di nascosto Senza guardarla prima avea scambiato.
197) Dizion. 4° Ed. .
STRANGOLO
Apri Voce completa

pag.766



1) id: 3764f758b8b340ddb0cd13d1c22339c0)
Esempio: Tac. Dav. Post. 455. Bella legalità osservata per farla donna, e abbiente allo strangolo.
198) Dizion. 4° Ed. .
GERRETTIERA.
Apri Voce completa

pag.590



1) id: bebeb8de7d1845c7b7de66971c31bbea)
Esempio: Tac. Dav. Post. 451. Rosa, tosone, gerrettiera, e simili son grandi onori, e favori.
199) Dizion. 4° Ed. .
QUADRUPLICATO.
Apri Voce completa

pag.5



1) id: 03ed0c743cac4554abbab26a45a86999)
Esempio: Tac. Dav. Post. 427. Bisognerà, per leggere correttamente zazzera, o zizzania, mettere quadruplicato fiato.