Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 647 msec - Sono state trovate 29478 voci

La ricerca è stata rilevata in 136099 forme, per un totale di 105202 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
132346 3753 136099 forme
102868 2334 105202 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
120) Dizion. 4° Ed. .
TARANTOLA.
Apri Voce completa

pag.15



1) id: 7126b6370b1a486bb04a78011b70628f)
Esempio: Fir. As. 155. In che modo ristrignerò io questa tarantola?
121) Dizion. 4° Ed. .
BESTICCIUOLA
Apri Voce completa

pag.424



1) id: 7d13ea6379234ef5891b394c919c6afd)
Esempio: Fir. As. 56. Che non ti parti tu brutta besticciuola?
122) Dizion. 4° Ed. .
BARBIERÍA, e BARBERÍA
Apri Voce completa

pag.386



1) id: f60a2815168d4d12a3db0a23366083b1)
Esempio: Fir. As. Veduto ec. questo giovane sedersi entro una barbiería.


2) id: 234e53bcf16748ee9ac43bb15113d8ab)
Esempio: Ar. Len. 2. 4. Io l'avrò quì alla barbería, ove è solito Di giocar quanto è lungo il giorno, a tavole.
123) Dizion. 4° Ed. .
ALLA LIBERA.
Apri Voce completa

pag.119



1) id: 5db8e742804f4ffd9d67e752d7f0baca)
Esempio: Fir. As. 90. 10. Io me n'andai dentro alla libera.


2) id: c6429f6820b24d9fb64a04a5ed043f87)
Esempio: Ambr. Cof. 1. 3. Potrà egli ec. alla libera Entrare in casa.
124) Dizion. 4° Ed. .
CUSTODE
Apri Voce completa

pag.890



1) id: 16046ac7d4cb4b3a977b106bce39332d)
Esempio: Fir. As. 61. Essendo costui sagacissimo custode del corpo mio.


2) id: f10661e4b53a43f9944b538dd7483a73)
Esempio: Ar. Fur. 8. 13. Il desiderio di Ruggier si rode, Che lascia sua città senza custode.
125) Dizion. 4° Ed. .
CAPUCCIO.
Apri Voce completa

pag.559



1) id: 992c057b671246d29141c7dfbcbaef70)
Esempio: Fir. As. 258. Avevan que' capucci pieni di piaghe vecchie.
126) Dizion. 4° Ed. .
INTELLIGENTE
Apri Voce completa

pag.874



1) id: 134fb10248b24553abc3ba2ed9f1fe2c)
Esempio: Fir. disc. lett. 315. O quelli, che leggeranno, saranno intelligenti, o eglino saranno ignoranti.


2) id: e8d9a340b91f447cba9fe582480a762a)
Esempio: E Fir. disc. lett. 327. Possiamo arditamente conchiudere, che questo sia stato un soprassapere, uno imbrattar lo alfabeto, un torgli la sua semplicità, un dar materia di ridere agl'intelligenti.
127) Dizion. 4° Ed. .
INABILITÀ, INABILITADE, e INABILITATE
Apri Voce completa

pag.759



1) id: 63f2c198436040aea2c8584e3d242486)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 399. Così per inabilità del ricevente fu il presente gittato via.


2) id: a24866720ed74fe9b334328d581dcd79)
Esempio: Red. lett. 2. 16. Dirò solo, che ancor io mi son qualche poco dilettato di questa virtù, ancorchè non abbia potuto per la mia inabilità farvi profitto alcuno.
128) Dizion. 4° Ed. .
ACCAREZZARE.
Apri Voce completa

pag.24



1) id: f64b05d9791a4c9dabc6474834dc6ecd)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. Basta loro per essere accarezzate, e anche per esser tenute belle.
129) Dizion. 4° Ed. .
BALDANZOSETTO
Apri Voce completa

pag.371



1) id: 92cdf8700054492cb9bc2e8657cfa6ce)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 338. Allora la Selvaggia, piuttosto un poco baldanzosetta che no, rispose.
130) Dizion. 4° Ed. .
AL DIRIMPETTO.
Apri Voce completa

pag.113



1) id: 56ad96ba0e164deb9a2fd95ac0edb264)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. Invitarongli a sedere sur una panca, che era loro al dirimpetto.
131) Dizion. 4° Ed. .
TRITO.
Apri Voce completa

pag.161



1) id: d780201066d34d97bb3075df0185b60f)
Esempio: Fir. dial. bell. donn. 376. Mandano a cuocere il trito cibo alla pentola dello stomaco.


2) id: d5a21070e13848e1a3c197d60b9012c0)
Esempio: Salvin. disc. 1. 100. Non vi ha cosa più trita, nè più frequente presso i santi Padri ec. che il chiamare l'instituto del vivere Cristiano, e massime il più stretto, e il più ritirato, quale si era quello de' monaci, col nome di filosofia Cristiana.


3) id: c6b39d606ca24a7fa786a9dbc3206db8)
Esempio: Bocc. nov. 77. 14. Videro lo scolare fare su per la neve una carola trita al suon d'un batter di denti.
132) Dizion. 4° Ed. .
AFFRITTELLATO.
Apri Voce completa

pag.82



1) id: 722005d85c1445fa8b50700db00d2657)
Esempio: Fir. Luc. 4. 1. Aveva la serva, che sapeva far l'uova affrittellate.
133) Dizion. 4° Ed. .
CACAIUOLA.
Apri Voce completa

pag.493



1) id: 317199651f084fb7b7f329fb71190199)
Esempio: Fir. Trin. 2. 4. Che venga la cacaiuola a chi mi pose questo nome.


2) id: c073567aceba4e7ca8154e3d27e6dcf2)
Esempio: Burch. 1. 63. E durandoti ancor la cacaiuola, Bei risagallo, e pianto di gallina.


3) id: f760b26529d948f5a3ef568676971a47)
Esempio: Buon. Fier. 3. 1. 9. Lasciate, che 'n piè aveva a cacaiuola Le scarpe, anzi alla soglia.
134) Dizion. 4° Ed. .
DOMENICALE
Apri Voce completa

pag.236



1) id: 3246dfab01d04693ad685a6cd7bbb1fb)
Esempio: Fir. Trin. 4. 7. Non maraviglia, che il Golpe aveva i panni domenicali.


2) id: 9c6f31ebeae34f3f9fe94526e834a093)
Esempio: Lasc. Sibill. 4. 4. Ora andianne a casa, ch'io spogli la vesta domenicale.
135) Dizion. 4° Ed. .
BESTIACCIA
Apri Voce completa

pag.424



1) id: 0c62817568e7478683895bc46b954d26)
Esempio: Fir. As. 6. 187. Piacciavi adunque domani di sparare questa bestiaccia.


2) id: ded75d4bf6644562ab1ad24bac72f75b)
Esempio: E Ber. rim. Donde diavol cavò quest'animale Quella bestiaccia?


3) id: 01fcd58f4a6d4984993e872f43ae2a9a)
Esempio: Bern. Orl. 1. 2. 51. Che quanto 'l sol circonda, e 'l mare abbraccia, Non si trova di lui maggior bestiaccia.
136) Dizion. 4° Ed. .
A CIELO.
Apri Voce completa

pag.45



1) id: b3e8783522a843e49518c4bad06b44d0)
Esempio: Fir. Trin. Dolgonsi di voi al cielo, e hanno ragione in verità.


2) id: b557c466843c411183717ac276aa736c)
Esempio: Car. lett. 1. 6. Messer Lodovico è tutto vostro, e vi celebra a cielo.


3) id: 885ccabbadc645eca6923ee35fef8f29)
Esempio: Varch. Suoc. 1. 4. Credendosi ec. che ella sia sorella della signora, n'arebbe un dispiacere a cielo.
137) Dizion. 4° Ed. .
SENTORE
Apri Voce completa

pag.480



1) id: 208c3affbfdb407dba2802f752fdc4d9)
Esempio: Fir. Trin. 3. 3. Se egli avviene, che Alessandro ne abbia sentore.


2) id: f9dbe4d1030b4022815f020d482597cb)
Esempio: Bocc. nov. 96. 6. I vini vi furono ottimi, e preziosi, e l'ordine bello, e laudevole molto senza alcun sentore, e senza noia.


3) id: b9ff8f985d3c45d6abb927e082a56b15)
Esempio: Varch. stor. 4. 101. Avendo il marchese ec. avuto prima sentore, e poi certezza, che ec.
138) Dizion. 4° Ed. .
CUMULARE
Apri Voce completa

pag.880



1) id: f0dd941dec5842bfbabc259c4d8b7372)
Esempio: Fir. disc. an. 397. Con frequenti sobole gli spessi capelli cumulano il bel capo.
139) Dizion. 4° Ed. .
SANTERELLO, e SANTARELLO
Apri Voce completa

pag.319



1) id: 3b002c5e11954f27a045d49cffaf89d3)
Esempio: Fir. nov. 7. 261. Era tenuto per un cotal santerello.


2) id: 2d99dbf663f24a3093a971d50f7d48e7)
Esempio: Varch. Suoc. 2. 1. Benchè non pensi a mal nessuno nè di lui, nè di lei, che è come una santarella.


3) id: 94cde35c83254c3a9bb1b61bbdf994db)
Esempio: Segr. Fior. Cliz. 2. 3. E' non si può ire a altri, che a fra Timoteo, ch'è nostro confessore di casa, ed è santarello.