Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 691 msec - Sono state trovate 27622 voci

La ricerca è stata rilevata in 113185 forme, per un totale di 84222 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
109755 3430 113185 forme
82133 2089 84222 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
180) Dizion. 4° Ed. .
SFACCIATAGGINE
Apri Voce completa

pag.498



1) id: 3b8780e4b7094308bcfe9cf6d0f5de26)
Esempio: Salv. Spin. 5. 9. Io sto pur a pensar, s'egli è vero, che tanta sfacciataggine possa trovarsi in chi abbia pur forma d'uomo.


2) id: 8ec66436e47e456b98a326dba031866e)
Esempio: Tac. Dav. stor. 2. 296. Mosse riso la sua sfacciataggine d'agguagliarsi a Trasea.
181) Dizion. 4° Ed. .
RAGGUAGLIANZA.
Apri Voce completa

pag.45



1) id: c351865df7444706b90514734ecdb5c4)
Esempio: Salv. dial. am. 47. Havvi per tanto la terza benivolenza, la quale è più tosto una maniera di ragguaglianza.
182) Dizion. 4° Ed. .
VELETTAIO
Apri Voce completa

pag.217



1) id: 4d41dccd2d4048859240e179e37b8868)
Esempio: Salv. Infar. prim. 494. S'io fossi dell'umor vostro, io vi direi, onde vengono i velettaj, i tessitori, e i magnani, gli zanni, e gli spazzacammini a Firenze.


2) id: 19ec3b4a88b84d4999b17a2dcba2d562)
Esempio: Buon. Fier. introd. 4. Quella eloquenza adopra ardita, e impronta, Ch'usano onnipotenti i velettaj.
183) Dizion. 4° Ed. .
SFRONDARE
Apri Voce completa

pag.511



1) id: f371fd274cd24be590a8e6e419bedeb9)
Esempio: Salv. rim. Scuota pur, se gli aggrada, e sfrondi, e schiante, O ramo, o tronco aspra tempesta, e fella.


2) id: a9a03038790445398ab14d06f99e77ea)
Esempio: Bern. Orl. 1. 16. 13. Siccome un arbuscello sfronda, e scorza Colla grandine spessa la tempesta.


3) id: c2afe823362a42d0850be5dbf9af04dd)
Esempio: E Ber. Orl. 2. 15. 12. Qual suol di Maggio La dolorosa, ed orrida tempesta Sfrondar gli alberi, e l'erbe alla foresta.


4) id: 77f647c22f664e8e832610a52e7a9b5b)
Esempio: Alam. Colt. 3. 58. Indarno spendi Tanti affanni, e sudor d'un anno intero A potare, a zappare, e sfrondar viti.
184) Dizion. 4° Ed. .
DISAIUTARE
Apri Voce completa

pag.153



1) id: fdc8422d62a9414f86ba3faf549f6ece)
Esempio: Fr. Giord. Salv. Pred. 47. Ad avere i beni del mondo ogni gente t'è nimica, e ti disaiuta.


2) id: e568f2442cd34456a7b983a2f228daf0)
Esempio: Fir. disc. an. 16. Sempre avemo udito dire, che la fortuna aiuta gli audaci, e disaiuta i paurosi.
185) Dizion. 4° Ed. .
PRESENTUZZO.
Apri Voce completa

pag.708



1) id: bf2f3cbc0733407d9ced8abf88c37098)
Esempio: Salv. Granch. 1. 2. A ire attorno lettere, e a correre Certe amabasciate di quà, e di là Con certi presentuzzi spasimati, E da innamoratini.
186) Dizion. 4° Ed. .
SCONTENTEZZA.
Apri Voce completa

pag.413



1) id: 47bc9a5de495457eb07d882119934e13)
Esempio: Salv. Granch. 1. 1. D'ogni mio travaglio, d'ogni mia Scontentezza niuna altra cosa, Fuor che soverchio amore, e che soverchia Gelosía, n'è cagione.
187) Dizion. 4° Ed. .
TARARE.
Apri Voce completa

pag.15



1) id: 7a392245089846b3afcb55ecffa90e89)
Esempio: Salv. Granch. 1. 1. Ohimè, Granchio, appena credo io, Che fusse un miglio fuor di porta. Gr. E anche Meno; tara per uso.
188) Dizion. 4° Ed. .
DIMENTICATOIO
Apri Voce completa

pag.124



1) id: 0289337a7817466b92bb5fc2a9d445f1)
Esempio: Salv. Granch. 3. 11. Ti ricordo, che tu non lo mettessi Nel dimenticatoio, che cotesta Vesta, che tu hai 'ndosso, è la mia.
189) Dizion. 4° Ed. .
CONSEGUITARE
Apri Voce completa

pag.770



1) id: 9ce61b36c7b54709a9c427f3cdb8fb7f)
Esempio: Salv. dial. amic. 40. La qual cosa due effetti grandissimi quasi sempre conseguitano, ne' morti beatitudine, ne' vivi vera gloria, ed onore.


2) id: 39a6e4bc4bda40a7bfb9f41cde34ef14)
Esempio: Boez. Varch. 4. 4. Ed io allora: codeste cose, dissi, conseguitano da quelle, che poco dianzi conchiuse furono.


3) id: 9cf93b3460914ee680d87c6bae10c86d)
Esempio: Guicc. stor. 1. 8. Non conseguitava con queste arti la moderazione dell'odio conceputo.
190) Dizion. 4° Ed. .
SPAZIOSISSIMO.
Apri Voce completa

pag.643



1) id: 6954e5fa2272496398653c5bc5f066a6)
Esempio: Salv. dial. am. 70. Al geometrico non è anche quasi punto fatica il ritrovare il centro di qualsivoglia cerchio spaziosissimo.
191) Dizion. 4° Ed. .
DILIZIANO
Apri Voce completa

pag.120



1) id: 3f2fd99a06464c21acc98a7a671a4fa1)
Esempio: Fr. Giord. Salv. Pred. 66. In questa vita non ci sono, nè nel ninferno, nè nel paradiso diliziano perfettamente.
192) Dizion. 4° Ed. .
PAGLIUOLO
Apri Voce completa

pag.461



1) id: 4ce2dc732a5145339ac08be0de564df1)
Esempio: Salv. Spin. 5. 9. Ancorchè più senno avresti certo, com'io ti consigliai da principio, a metterti la via tra gambe, e nettar tosto il pagliuolo.
193) Dizion. 4° Ed. .
GAVILLOSO.
Apri Voce completa

pag.577



1) id: 44ffd17057fb4203b96424f913755893)
Esempio: Salv. dial. amic. 37. Sbattute a terra le gavillose dubitazioni di coloro, che in qualunque modo parlano in disfavore di questo sacrosanto legame.
194) Dizion. 4° Ed. .
PREDICABILE.
Apri Voce completa

pag.694



1) id: 55a3805a9f2c4ff8b824cb48a09df4c0)
Esempio: Infar. 2. 311. Vedete, s'io era addietro co' predicabili.
195) Dizion. 4° Ed. .
CARABATTOLE.
Apri Voce completa

pag.559



1) id: 400341a5aef84a32b49a995da7809585)
Esempio: Salv. Granch. 3. 13. Per non avere Saputo così ben far le campane Di san Ruffello, e tor le carabattole, E ambular per la calcosa.
196) Dizion. 4° Ed. .
RACQUISTATORE.
Apri Voce completa

pag.37



1) id: 90ec289d8b2348c9b482c955f103532d)
Esempio: Salv. dial. amic. 23. Quali abbiamo noi più diligenti conservadori, e più pii, e più solleciti racquistatori ec. di nostra sanità, che gli amici?
197) Dizion. 4° Ed. .
RICOMMETTERE
Apri Voce completa

pag.140



1) id: 4d8a5dde97ef4cc7b25123268ed37704)
Esempio: Salv. dial. am. 4. E tratto il freno dell'appetito di mano a quel furore, lo ricommise alla ragione (cioè: di nuovo lo diede, o consegnò)
198) Dizion. 4° Ed. .
ACCUSATIVO.
Apri Voce completa

pag.43



1) id: 6bfea6cc7137495393d1369a164f1fca)
Esempio: Salv. avvert. 2. 1. 15. La quarta pongono l'accusativo, che più che d'altro sembra lor propria del sentimento dell'accusare, posto che meglio per avventura le convenisse il patire.
199) Dizion. 4° Ed. .
PARENTELA
Apri Voce completa

pag.490



1) id: 0d6fb61aae3949b1a5642e3d2d52a05b)
Esempio: Salv. Avvert. 1. 3. 3. 19. Diciamo appresso delle quasi amistà, e parentele, che tra le lettere si ritruovano, e del mutarsi, che d'una in altra far sogliono spesse volte.