Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 615 msec - Sono state trovate 30417 voci

La ricerca è stata rilevata in 159637 forme, per un totale di 127727 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
155596 4041 159637 forme
125179 2548 127727 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 4° Ed. .
RICORDATO
Apri Voce completa

pag.146



1) id: 7f54dc95fd6e48dfb5444f741d6b7a35)
Esempio: Lasc. Sibill. 4. 4. Cosa ricordata per via va.


2) id: 8f9e4be2c2a64200b7bcd18d35f369ad)
Esempio: Cecch. Mogl. 2. 1. Cosa ricordata per via va.
2) Dizion. 4° Ed. .
BACO
Apri Voce completa

pag.365



1) id: c1327b215ec7421cacfcbebd8889b9f2)
Esempio: Lasc. rim. Ma bachi, e seta fate.


2) id: 4800fe8daea647ceb1f620135257da80)
Esempio: E Lasc. rim. altrove: Più vede assai, ch'animaluzzi, o bachi.


3) id: 244a3e3cc9314c6f94909b55718a4747)
Esempio: Cecch. Servig. 4. 11. E' bisognava sapere, dove egli ha 'l baco.


4) id: 2c9898a0027941cb8b43e2c081d604c1)
Esempio: Cr. 5. 2. 13. Anche vale (l'olio di mandorle) contro a' bachi del corpo, se con la farina de' lupini si mescola.


5) id: 271e6aa548f948f7b8e6c055e2cdb091)
Esempio: Bocc. nov. 99. 43. Ora andiam noi, veggiam chi t'ha fatto baco.


6) id: ac69faa5ba724c758aa6229569a8738a)
Esempio: Burch. 1. 20. Guardatevi, gottosi, Di non mangiar ciriege in dì ozziachi, Perchè fanno l'uscita, e 'l mal de' bachi.


7) id: b92e66457f224b0496321028320be500)
Esempio: Tac. Dav. stor. 4. 331. Perchè tanta paura (diceva Elvidio) aver Marcello del giudicio de' Magistrati? esso aver moneta, avere eloquenza da passar molti, s'il baco delle tristizie non lo rodesse.


8) id: a8c0709d56ae4ebf963027ed3ef71a4e)
Esempio: Ambr. Furt. 5. 14. Ell'aveva un breve al collo, che glielo doveste far voi, o la vostra donna contro i bachi.


9) id: aa7c2ca1e8ef4cac97a3681691c1f558)
Esempio: Malm. 6. 41. Così con quei due spirti avendo il baco, Soggiugne (perchè a lor vuol far la pera) Io l'ho con quei briccon, furfanti, indegni, Ch'hanno sturbato tutti i miei disegni.
3) Dizion. 4° Ed. .
UBBRIACACCIO, e UBRIACACCIO
Apri Voce completa

pag.202



1) id: 1b90902e4955434eb8b91014944fc10b)
Esempio: Lasc. Pinz. 4. 8. Ubriacaccio, egli non risponde.


2) id: c3abc84a4e034547926b858ff9098917)
Esempio: E Gelos. 4. 12. E io chi sono, ubbriacaccia?
4) Dizion. 4° Ed. .
FRANTENDERE
Apri Voce completa

pag.517



1) id: 376e59c924064461b3b15025649b8311)
Esempio: Lasc. Pinz. 4. 7. Perdonatemi, padrona, ch'io frantesi.
5) Dizion. 4° Ed. .
ARCOBALENO
Apri Voce completa

pag.250



1) id: 0bfe1bead9384cc4ba4e5231f9b0a4c0)
Esempio: Lasc. Most. L'arcobaleno, che Giove scoreggia.
6) Dizion. 4° Ed. .
A BOCCA BACIATA.
Apri Voce completa

pag.19



1) id: 851c34ddd7ab41c7a9350d1e89ff38e9)
Esempio: Lasc. Sibill. 1. 1. Potendone avere a bocca baciata tremila.
7) Dizion. 4° Ed. .
CAROVELLO.
Apri Voce completa

pag.574



1) id: ef0c00751dda46bfb3f98e471060ecd1)
Esempio: Lasc. Pinz. 2. 4. Pere carovelle, ed altre frutte.


2) id: 1c72056440a74915a7a6866764c6a604)
Esempio: Ciriff. Calv. 3. 78. Queste non saran pere carovelle, Che rare volte omai pel porco cascano.
8) Dizion. 4° Ed. .
ZANAIUOLO
Apri Voce completa

pag.352



1) id: 2642a4e947264133aa11710df1a0e1a0)
Esempio: Lasc. Spir. 4. 6. Il zanaiuolo vale oro.


2) id: 5086a5cdc8f34832a480fa93488a41ed)
Esempio: Lasc. rim. Vada al bordel Narciso, E nascondasi Croco, Perch'è l'un zanaiuolo, e l'altro cuoco.


3) id: 447ce8d32a0148caa6a39b7b5abc38e1)
Esempio: Salv. Spin. 5. 8. Io ne voglio domandar questo zanaiuolo.
9) Dizion. 4° Ed. .
CAPPELLONE.
Apri Voce completa

pag.558



1) id: 169848e517f04559b7898c743e49e929)
Esempio: Lasc. Sibill. 2. 2. Per in capo cappelloni grandi alla Spagnuola.
10) Dizion. 4° Ed. .
ARIONA
Apri Voce completa

pag.259



1) id: 3081fc9f6ef547038182f65bca7353f8)
Esempio: Lasc. Sibill. 3. 5. Avevano certe arione liete, certe cerozze allegre.
11) Dizion. 4° Ed. .
CEROZZA.
Apri Voce completa

pag.626



1) id: dc94f195abe34637bb3b3ed7e2e741f7)
Esempio: Lasc. Sibill. 3. 5. Avevano certe arione liete, certe cerozze allegre.
12) Dizion. 4° Ed. .
RISATA
Apri Voce completa

pag.217



1) id: c3e0f2097ccf425ba15eb67ddf896a57)
Esempio: Lasc. Streg. 2. 1. Questa risata non mi piace.


2) id: 350fea992e4c42ddb1065e427ba6fabf)
Esempio: Cecch. Servig. 4. 11. Oh che risata n'ha fatto la vedova!


3) id: cf5831e7e2664035a57a21c7b00bb713)
Esempio: E Tac. Dav. stor. 4. 352. La banda de' cavalli Pientina non potendo sopportar le risate del volgo insolente ec. se ne andò a Maganza.


4) id: e734bf777f5043bea245e0e87d05eaec)
Esempio: Tac. Dav. ann. 1. 9. Volendo i centurioni rattenerli, te li pagano di risate, d'oltraggi, di bastonate.
13) Dizion. 4° Ed. .
CIALDONCINO.
Apri Voce completa

pag.655



1) id: cc724d0425f24058aeedb162a1a0df8f)
Esempio: Lasc. Sibill. 5. 7. Anzi l'una pe' cialdoncini, l'altra pe' bastoncelli.
14) Dizion. 4° Ed. .
DI FATTO
Apri Voce completa

pag.102



1) id: 2d8cfeb099c743969368aefdeb3d9c82)
Esempio: Lasc. rim. Ognun di fatto dice, ch'ella è mia.


2) id: 0f221df333734fffae5cefd460cdec6b)
Esempio: Albert. 2. 48. E più dico, che se quello per ragion far potessi, la qual cosa non concedo, di fatto adempiere non potresti.


3) id: 57eef9ab1cd3421aaef43dc9a13d29fb)
Esempio: Maestruzz. 1. 78. Che sarà, se vivendo la moglie, alcuno contrasse di fatto coll'altra?


4) id: 019a74cc4ac642b397e9d69e4ca787ef)
Esempio: G. V. 11. 39. 1. Stendea il suo uficio di ragione, e di fatto, a modo di bargello, sopra ogni altra signoría.
15) Dizion. 4° Ed. .
LEPRONE
Apri Voce completa

pag.51



1) id: 68c86848e403447a866e1a0acccf3627)
Esempio: Lasc. rim. Che ti fanno afa starnotti, e leproni.


2) id: 222d1de789b94d92a17038e318892a62)
Esempio: Cecch. Spir. 4. 10. Guarda, Se quel vecchio dovette corre al covo Questo leprone (quì figuratam.)
16) Dizion. 4° Ed. .
PEVERADA
Apri Voce completa

pag.592



1) id: e429e710071143d0a476fccc99347795)
Esempio: Lasc. Sibill. 2. 5. Faranno una peverada miracolosa, e una pappa divina.


2) id: be44560856b04e2291bef0955a8f0b68)
Esempio: Ambr. Furt. 4. 12. Fa conto, che questa debbe essere una medesima peverada.


3) id: 865cc48a89614930a0b3013aed54be3a)
Esempio: Alleg. 63. Corron, verbigrazia, una fortuna simile; son, come dire, una stessa peverada.
17) Dizion. 4° Ed. .
ASSILLO
Apri Voce completa

pag.301



1) id: b974ea6b79c642389517b8f168873755)
Esempio: Lasc. Guer. Mostr. Feroce sì, che par, ch'abbia l'assillo.


2) id: 7616b0ab01ec4c1793177a42028ee32e)
Esempio: Pataff. 2. Perchè un tristo al fuoco, ed ha l'assillo.
18) Dizion. 4° Ed. .
SDILACCIATO.
Apri Voce completa

pag.440



1) id: 9e21d436ce6c478e80d1f99e28627c58)
Esempio: Lasc. Pinz. 5. 2. Non vedevi tu, ch'egli era isdilacciato?


2) id: 3e27c1556e2547a395d6e78832391eee)
Esempio: Buon. Fier. 5. 1. 3. Chi scalzo, chi in pedul, chi sdilacciato.
19) Dizion. 4° Ed. .
BUESSA
Apri Voce completa

pag.479



1) id: 094065f6e10b48608289bb4b3cb3a9b5)
Esempio: Lasc. Parent. 2. 1. Non altro buessa, egli t'intenderà bene.
20) Dizion. 4° Ed. .
SEMPLICIONE.
Apri Voce completa

pag.470



1) id: e3dc193834d64642afe499c42265315d)
Esempio: Lasc. Spir. 5. 1. Sta molto bene; odi semplicioni!