Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 480 msec - Sono state trovate 6929 voci

La ricerca è stata rilevata in 26376 forme, per un totale di 19447 occorrenze

5° Edizione
Diz Giu. totali
26376 0 26376 forme
19447 0 19447 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
1) Dizion. 5° Ed. .
CAMBIATORE
Apri Voce completa

pag.418



1) id: d386d312d7874fb3aeb1af3e53fd7f6b)
Esempio: Vill. G. 758: Banchi di cambiatori ottanta.
2) Dizion. 5° Ed. .
DODICESIMO.
Apri Voce completa

pag.793



1) id: 8cafff74ab7b436b9b057599945530d0)
Esempio: Vill. G. 801: Incomincia il libro dodicesimo.


2) id: 407f72bd70be4357b7ca32498bbfd753)
Esempio: Adr. M. Plut. Vit. 3, 5: Venuto che fu al dodicesim'anno,... lo rimise nel regno.
3) Dizion. 5° Ed. .
DELICATAMENTE.
Apri Voce completa

pag.116



1) id: 0ed11bc798ea4d52af1cb458ad7f4712)
Esempio: Vill. G. 599: Dilettavasi in delicatamente vivere.
4) Dizion. 5° Ed. .
NOVANTA.
Apri Voce completa

pag.248



1) id: 8e68f105740a451e80682606fc668116)
Esempio: Bard. G. Vill. Adr. 18: Vi aveva (nella villa Adriana) novanta piazze, tutte varie l'una dall'altra.
5) Dizion. 5° Ed. .
DISCOPERTO, e talora anche DISCOVERTO.
Apri Voce completa

pag.511



1) id: 1398b8a1b8cd43e6a6bc4f6d95900639)
Esempio: Bard. G. Vill. Adr. 31: V'erano stufe, bagni, luoghi da passeggiare al coperto e al discoperto.
6) Dizion. 5° Ed. .
ALMANACCO.
Apri Voce completa

pag.392



1) id: 0ed57e5fbc434728b106e53ad5097305)
Esempio: Vill. G. 848: Secondo l'almanacco di Profazio giudeo.
7) Dizion. 5° Ed. .
ARIETE.
Apri Voce completa

pag.682



1) id: dba35a3289724dc2bb906b94059d29f5)
Esempio: Vill. G. 61: Presero l'ascendente del segno dell'ariete.
8) Dizion. 5° Ed. .
FEROCEMENTE.
Apri Voce completa

pag.788



1) id: 1eb85ab9838749eaa3bfa0daae89825f)
Esempio: Vill. G. 336: Incontanente assalì ferocemente il leone.
9) Dizion. 5° Ed. .
ATTENDARE.
Apri Voce completa

pag.819



1) id: 51a042e6074443a9b4809a471dda5f59)
Esempio: Vill. G. 395: In su Monte Malo s'attendò.
10) Dizion. 5° Ed. .
CARICO, e in poesia talvolta per sincope anche CARCO
Apri Voce completa

pag.577



1) id: 94caef391dd048849194bec7fcdb448f)
Esempio: Vill. G. 694: Galee.... cariche di ricco avere.


2) id: 88f8b71bf50c46fd96887d15d293e8f6)
Esempio: Buonarr. M. V. Rim. G. 238: Carico d'anni e di peccati pieno.


3) id: df98963ada2640449b01a6484f1fa0c9)
Esempio: Vill. M. 117: Volsono le grosse catene che serravano il Porto, e quelle cariche a due carri mandarono a Firenze.
11) Dizion. 5° Ed. .
LEGGENTE
Apri Voce completa

pag.195



1) id: de35f7039783425a900eda7b349097ae)
Esempio: Vill. G. 684: Leggano, overo odano li leggenti.
12) Dizion. 5° Ed. .
LAVORATO.
Apri Voce completa

pag.154



1) id: d09f292cc5a446c8bcf4a72bcd24d323)
Esempio: Vill. G. 214: Bellissime fontane lavorate di marmo.
13) Dizion. 5° Ed. .
DISLEALMENTE.
Apri Voce completa

pag.580



1) id: ea7f5c75ab81484fa6eaa2dcca083c97)
Esempio: Vill. G. 706: Ma ruppongli dislealmente la promessa.
14) Dizion. 5° Ed. .
DANNATO.
Apri Voce completa

pag.21



1) id: a055643f33044193abc4522277071e76)
Esempio: Vill. G. 70: Fugli detto ch'erano anime dannate.
15) Dizion. 5° Ed. .
DIVELLERE, DIVEGLIERE e, per sincope, DIVERRE.
Apri Voce completa

pag.742



1) id: bf94c33c993e48c3bda407cb4c632758)
Esempio: Vill. G. 457: Divelse [il vento] grandissimi alberi.


2) id: 01e22e56f0d84411a0508b0ffdfba17f)
Esempio: E Vill. G. 672: Consumò [il fiume d'Arno] ogni sementa, abbattendo e divellendo alberi, e mettendolsi innanzi.
16) Dizion. 5° Ed. .
DUOMO e popolarmente anche DOMO.
Apri Voce completa

pag.941



1) id: 2f08c6ead20746ef9405af6fa437e987)
Esempio: Vill. G. 39: Chiamaronlo Duomo di Santo Giovanni.
17) Dizion. 5° Ed. .
IONICO.
Apri Voce completa

pag.1219



1) id: e1e1d6ffd5504f39a795d6594d06b1a2)
Esempio: Bard. G. Vill. Adr. 6: Questo [tempio] era quadro, e di ordine ionico, con colonne di travertino.


2) id: 355c90ae17f64ea893ffd81b7a2e613a)
Esempio: E Martin. G. B. Stor. Music. 2, 245: Fra le molte e varie specie di versi, i più sovente usati sono il giambico,... il coriambico, il ionico, ec.


3) id: 93ea0b5e54414e7d82ff87c4a5ca84a8)
Esempio: Martin. G. B. Stor. Music. 2, 242: Se il piede costi di due sillabe, e queste brevi, appellasi pirrichio;... se di due brevi e due lunghe ionico minore; se di due lunghe e due brevi, ionico maggiore.
18) Dizion. 5° Ed. .
G,
Apri Voce completa

pag.1



2) id: 5d5a59da78b246cba30585c404f43d2b)
Definiz: § II. G sol re ut, è lo stesso che Gisolreutte. –


3) id: faa22c5439ec4bac88aafabdb75fefeb)
Esempio: Salv. Avvert. 1, 282: Il c e 'l g da certi popoli non si posson pronunziare.


4) id: 0179a60ce58540bb91b0c36e579f1c3b)
Esempio: Bemb. Pros. 69: Alquanto spesso e pieno suono appresso rende la F: spesso medesimamente e pieno, ma più pronto, il G.


5) id: 446a2fc1e4964ee89b5d9d6a31ff6788)
Definiz: § I. La lettera G nel diagramma musicale antico indicava il Sol in quarto spazio della chiave di basso, se era maiuscola; se era minuscola, indicava il Sol in seconda riga della chiave di violino; la g minuscola raddoppiata indicava il Sol sopra le righe. –


6) id: 286d0ca342c9450d931ebb9e8a176f02)
Esempio: Cavalcant. B. Retor. 263: Sono dolci comunemente quelle parole le quali hanno assai vocali, e dell'altre lettere il g, il c, lo l, lo f, lo m fanno dolcezza, tali sono amore, giovare;...... e di queste fa dolcezza qualcuna innanzi all'altra, come lo l innanzi al c in questa parola dolce, dinanzi al g, come involge; il g innanzi allo l, voglia, scoglio, e simili. Aspre certamente sono quelle nelle quali è lo r.... innanzi al g e doppo, come gorgo, agro.... Lo s ancora fa il suono insuave ed aspro dinanzi al t, nel principio della parola, innanzi al c, al g, al p, al q, al t, allo f, allo m, come in questa parola storpio, scoglio, sgraziato, sfogo.


7) id: 27c4860fcd8d4411a8d7b1b0abf9ec4c)
Esempio: Don. Tratt. Enarm. 336: Il D senza punto fa quarta, e quinta con G sol re ut, e terza minore e sesta maggiore con.... mi.


8) id: 357c45a895d843a09b79e21c2007b958)
Esempio: E Salv. Avvert. appr.: E quando pure sforzar si vogliono o da vero o per gabbo, il c e 'l g in suono vicino a quel della s e del c, o quel della s e del g, mal lor grado son trasportati; scipolla, fansciullo, mansgiare, e sgiusgiola, che è quasi natio a' Franceschi.


9) id: 2480fd6890694883a9ba0a13d500b868)
Esempio: Don. Tratt. Enarm. 331: I tasti neri dell'armonia ipolidia sono accordati come ne' cembali comuni, salvo che tra G ed A qui c'è l'a la mi re col b molle.


10) id: ae1ed24caa304503bc6832dfc8d94b8c)
Esempio: Papin. Lez. Burch. 73: Osservate attentamente come il nostro Burchiello, in grazia della venerabile antichità, dice Gaio, come lo dicevano gli antichi, i quali avevano maggior piacere della G, che della C.


11) id: 760b5c12f45e4292baab8ff275a01441)
Esempio: E Don. Tratt. Enarm. appr.: Nella fronte del tasto B ipolidio,..... si può notare col rosso il C lidio, al quale corrisponde detta voce; nel G il D, e così l'altre di mano in mano.


12) id: 882dde71a1f54bc69732efd21e1daaa6)
Esempio: E Don. Comp. Music. 30: Mi par anco molto a proposito di due sistemi segnare l'uno col nero.... e l'altro col rosso: il che riuscirà molto commodo per notare quelle voci metaboliche che cadono in amendue tra il G e l'A, e tra il D e l'E.


13) id: 92147034832046418dd0aa3d12f9db88)
Esempio: Buomm. Ling. tosc. 31: Il G corre la medesima sorte del C, e segna due suoni, l'uno muto, ottuso e rotondo, come in garbo, gostanza, gusto e grotta; l'altro chiaro, acuto e sonante, come in gente, generoso, ginepro. Ma acciocchè e' suoni ottuso, se gli aggiugne l'H, scrivendo gheppio, gherone, ghianda, ghiotto, ghirlanda: e se dee sonar chiaro, si contrassegna con I; già, giallo, giogo, e giusto.


14) id: ed5be8cbc8614d75ac0392a942d0593a)
Esempio: Marrin. Annot. Baldov. Lament. 188: Mutata la R in L si fece facilmente lifriggerio. Ma perchè la difficoltà potrebbe piuttosto battere sopra quei due GG, dico che, quand'anche non si fossero trovati esempj, ognuno però poteva restar persuaso, che questa voce era secondo il gusto de' nostri vecchi, riflettendo che essi sovente raddoppiavano il G nelle voci, come si vede in reggia, brivileggio, Cartaggine, rifuggio, ec., e molto più nella voce fugga per fuga usata dal Boccaccio.


15) id: 6a97b289348d47d1bb752f3c32f7f7a5)
Definiz: lettera palatina, la settima dell'alfabeto e la quinta delle consonanti, che i grammatici dicono mute. Pronunziasi Gi, e si fa di gen. masc., e anche femm. Per l'affinità del suono il G si sostituisce in molte voci al C e alla Z, dicendosi Gastigare e Castigare, Luogo e Loco, Lagrima e Lacrima, Servigio e Servizio, Palagio e Palazzo. Innanzi alle vocali A, O, U, ha suono più muto e più rotondo, come in Gala, Gora, Gusto: innanzi alle vocali E ed I si manda fuori più ammollita, come in Gelido, Giro; ma per darle il suono che ha colle altre tre vocali, le poniamo l'H dopo, come in Ghermire, Ghiaccio; in quel modo che per darle il suono ammollito avanti all'A, E, U, si pone tra essa e queste vocali un I, scrivendo Giacere, Giogo, Giubba. Si assimila alla lettera M, come in Domma, Flemma; e talora, nel mezzo della parola, davanti a vocale sparisce, come in Reale per Regale, in Sciaurato per Sciagurato, in Reina per Regina. Talvolta si cangia in V, come Fragola in Fravola. Seguita dalle vocali ia colle quali formi sillaba, talora si cambia popolarmente in D; come ad es., Ghiaccio in Diaccio, Giacere in Diacere, Giacinto in Diacinto. Non si pone il G avanti ad altre consonanti che alla L, alla N, alla R, nella stessa sillaba, e perde alquanto del suo suono, come in Gloria, Ignavia, Grazia. Ammette avanti di sè nel mezzo della parola, ma in diversa sillaba, la L, N, R, come Volgere, Fango, Argine. La S le va avanti nel principio della parola o della sillaba, come in Sgabello, Sgherro, Sgorbio, Sgualdrina. Ng, dinanzi ad E ed I, o si conserva, o per metatesi diventa Gn, come Ungere e Ugnere, Angiolo e Agnolo, Piangere e Piagnere. –
19) Dizion. 5° Ed. .
ESSERE.
Apri Voce completa

pag.343



1) id: 5922ebae17724366b0151aee88910e1c)
Esempio: Vill. G. 703: Ordinarono parlamento,... e tutti vi foro.


2) id: 25a39667a4a840fb93d6fa45191ca02d)
Esempio: Tratt. Resist. G. G. 61: Sarebbero di ugual resistenza, posto che fussero fitti colla base in un muro.


3) id: 2e633170e13f4eb6b692ca735896bb05)
Esempio: Adr. M. Plut. Vit. 1, 19: Essendo costume in Candia che le donne ancora fussero spettatrici, Arianna presente restò presa dall'aspetto di Teseo.


4) id: d557f7a6c37f4e888b6f89b593a6ff38)
Esempio: Adr. M. Plut. Vit. 2, 53: Critia mostrò a Lisandro, che mentre gli Ateniesi si reggerebbero a popolo, non sarieno i Lacedemoni signori assoluti della Grecia.
20) Dizion. 5° Ed. .
INNUMEREVOLE.
Apri Voce completa

pag.873



1) id: 92e3750ddbb84a43a93a3651fe77f204)
Esempio: Vill. G. 914: Innumerevoli beneficj a quelli Fiorentini fece.