Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 356 msec - Sono state trovate 2989 voci

La ricerca è stata rilevata in 7233 forme, per un totale di 4198 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
7104 129 7233 forme
4115 83 4198 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
180) Dizion. 4° Ed. .
ESTERMINARE.
Apri Voce completa

pag.318



1) id: f0f8ebfdb70f41648fd49ca607823cbf)
Esempio: Cavalc. med. cuor. S'affliggono in digiuni, e asprezze, esterminando le lor facce, come disse Cristo.
181) Dizion. 4° Ed. .
SMORZARE
Apri Voce completa

pag.552



1) id: c5abd0f5e0eb493699ca615efc4b21b4)
Esempio: Lor. Med. canz. 130. 3. La ragion mia voglia smorza, Bench'al cuor sia gran ferita.
182) Dizion. 4° Ed. .
INFRESCATOIO
Apri Voce completa

pag.824



1) id: 6a06f916d99a452b95abef92b9869372)
Esempio: Lor. Med. Beon. cap. 9. Talor se ne vedea quindici, o venti, Come bicchieri negl'infrescatoj.
183) Dizion. 4° Ed. .
SALDEZZA
Apri Voce completa

pag.301



1) id: 67ef544b693e416da4f075a8ab24d188)
Esempio: Lor. Med. rim. 88. Non gli dà bellezza Pietra di gran saldezza, chiara, e dura.


2) id: 25856a1d10194484a9e918b10b70fd76)
Esempio: Cavalc. Med. cuor. Il terzo effetto della tribulazione si è, che dà fortezza, e saldezza, come il fuoco materiale indura la terra, e cuoce.
184) Dizion. 4° Ed. .
LISCA
Apri Voce completa

pag.76



1) id: daaf939c89f54ef1ac518172dc129a29)
Esempio: Lor. Med. canz. 71. 2. Sempre al labbro ha qualche lisca Del filar, ch'ella morseggia.
185) Dizion. 4° Ed. .
MICCINO
Apri Voce completa

pag.238



1) id: da8e5f1eeeed407abedda334d108c283)
Esempio: Lor. Med. canz. 77. 4. Come si strigne un miccino, In un tratto dentro schizza.


2) id: db90eba8eebc4016bbb5668687e4f4fc)
Esempio: Fir. rim. 50. È un dare a miccin la ciccia a' putti, Acciocch'ella non faccia poi lor male.
186) Dizion. 4° Ed. .
POLLINO
Apri Voce completa

pag.650



1) id: ebf785a835db4a00927c1e219ead66c8)
Esempio: Lor. Med. canz. 55. 6. E' si son pien di pollini, E son tutti spennacchiati.
187) Dizion. 4° Ed. .
NOTOMÍA
Apri Voce completa

pag.361



1) id: 14a3c3a5b9fd47b99b25da1e4483400a)
Esempio: Lor. Med. canz. 65. 2. Poi di me fe notomíe, Quando m'ebbe a suo dimino.


2) id: 4b6219c0264044a8baf1617a376c6923)
Esempio: Ciriff. Calv. 2. 54. Ed anco nelle selve, e ne' diserti Son suti già degli uomin dotti, e sperti, Ch'han fatto di lor vita notomía.
188) Dizion. 4° Ed. .
PAGATORE
Apri Voce completa

pag.460



1) id: 5c0b86d6aa4e4f2e9eba3eefd202bdec)
Esempio: Lor. Med. Laud. Se egli è benigno, e pio, Deh non esser sì tristo pagatore.
189) Dizion. 4° Ed. .
LEZIO.
Apri Voce completa

pag.60



1) id: 048572d60f004ea885f7a9d7a17bb89f)
Esempio: Lor. Med. canz. 65. 3. Sempre mai questa sazievole, E' 'n su' lezj, e smancerie.
190) Dizion. 4° Ed. .
LEZIOSO
Apri Voce completa

pag.60



1) id: 60cde6bf65a04112bbeabdfc5497e1b6)
Esempio: Lor. Med. canz. 68. 8. Le saccenti, e le leziose A vederle par ch'i' muoia.
191) Dizion. 4° Ed. .
PENNATO
Apri Voce completa

pag.547



1) id: c89f2d6723e1412499e2dbb0cd3cee13)
Esempio: Lor. Med. rim. 93. Sopra a' nebulosi omeri gli nascono Due pennate al sopramisura grande.
192) Dizion. 4° Ed. .
POPONE
Apri Voce completa

pag.660



1) id: 39631db84e714232b14bbf372770e634)
Esempio: Lor. Med. canz. 64. 2. Tutti son popon di Chioggia D'una buccia, e d'un sapore.
193) Dizion. 4° Ed. .
PORCELLINO
Apri Voce completa

pag.662



1) id: 6e61fe70e6a042c0a57089fecd99799c)
Esempio: Lor. Med. canz. 66. 1. Io son, dama, il porcellino, Che dimeno pur la coda.


2) id: ad64903ab6e449bb8338603d8cd455e8)
Esempio: E Lor. Med. canz. 70. 2. Fu un prete e questa è vera, Ch'avea morto il porcellino.
194) Dizion. 4° Ed. .
SBRACCIARE
Apri Voce completa

pag.343



1) id: 84d22ec936894aadbc6871f87e0a3199)
Esempio: Lor. Med. canz. 146. 3. Poi si sbraccia, e si lava il suo bel viso.


2) id: bd2bc9b875ae4baa8cf898245fb3c1bb)
Esempio: Buon. Fier. 3.1. 6. Ma che noi prima Ci doviamo sbracciare, ed ogni nostra Forza adoperare in lor per ben curargli.
195) Dizion. 4° Ed. .
RABBRUZZARE.
Apri Voce completa

pag.29



1) id: ec85154294f44e13aa7ba8d9e81f1a2a)
Esempio: Lor. Med. canz. 28. 4. Poi gli disse: e' si rabbruzza, Stacci infino a domattina.
196) Dizion. 4° Ed. .
SUCCHIO, e SUCCO.
Apri Voce completa

pag.797



1) id: dc7297467b354343aa81b4f37a18456e)
Esempio: Lor. Med. canz.28. 5. Poco andò il garzone attorno, Che fu ritornato in succhio.
197) Dizion. 4° Ed. .
FUSCELLINO
Apri Voce completa

pag.553



1) id: c7b07a1f9483455e97bb9dceaa0467db)
Esempio: Lor. Med. canz. Io ho rotto il fuscellino, Per un tratto, e sciolto il gruppo.
198) Dizion. 4° Ed. .
SOGGÓLO
Apri Voce completa

pag.567



1) id: 570236d4817b455194c60e908997e60d)
Esempio: Lor. Med. canz. 12. 5. Le si veggono in quei panni Con soggóli, e sciugatoi.
199) Dizion. 4° Ed. .
SOLLETICO.
Apri Voce completa

pag.574



1) id: 0be35da6acf74186b907806fb014f84a)
Esempio: Lor. Med. canz. 31. 4. Quando un teme il solletico, Menan più, che Arrigo bello.