Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 655 msec - Sono state trovate 39998 voci

La ricerca è stata rilevata in 121880 forme, per un totale di 81118 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
120064 1816 121880 forme
80066 1052 81118 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
140) Dizion. 4° Ed. .
AFFOGATO.
Apri Voce completa

pag.78



1) id: 3f7648d46a144d2eb46da714f866e087)
Esempio: Segr. Fior. disc. 3. 6. Uomo ec. affogato in mala fortuna.
141) Dizion. 4° Ed. .
COLON
Apri Voce completa

pag.702



2) id: 5728f9f7226c4d23a0f3d2d4ddd45d3e)
Esempio: Volg. Diosc. Erasistrato scrive, che il fegato, la vescica, e il budello colon infradiciano.


3) id: 59bb538ca0024798a8ba71ed10d0f22a)
Esempio: Red. Oss. an. 21. Il peritoneo va ad unirsi al mesenterio, intorno all'intestino colon.


4) id: fdb9e27f34df41b783612995aaa15d50)
Esempio: Volg. Ras. Seguita un budello, il quale è chiamato colon, il cui cominciamento è nel lato diritto, ma egli per la larghezza del ventre è posto disteso infino al lato manco.


5) id: 15d3068792134b478ca59c5730d49375)
Definiz: Il più largo, e il più grosso degl'intestini. Lat. laxius intestinum. Gr. κῶλον.
142) Dizion. 4° Ed. .
COL
Apri Voce completa

pag.694



2) id: b51b9d4bc9b041fd9cc89851f23a6ce8)
Esempio: Din. Comp. 1. 8. I palvesi col campo bianco, e giglio vermiglio furono attelati dinanzi.


3) id: 6eafac69c3df4364bdac5db3cf49a359)
Esempio: Bocc. Introd. 49. Acciocchè ciascuno provi il peso della sollecitudine insieme col piacere della maggioranza.


4) id: eb8134a6cde84ec98933f04a7ed2324f)
Esempio: E Din. Comp. 15. I Priori per piacere al popolo scesono col Gonfaloniere in piazza, credendo attutare il furore.


5) id: 6db68a17f52c468bab8f33d1cc543df1)
Esempio: Buon. rim. 57. Prima, che del mortal la privi, e spogli, Col pentimento ammezzami la via, E fia più certa a te tornar beata.


6) id: 7fb8269af5be452897ff80c82a3f6b28)
Definiz: Tronco da COLLO, pronunziato coll'O stretto, è composto di CON proposizione, e di LO articolo masculino; trasformata per lo costume della pronunzia la N nella seguente liquida mantiene d'amendue la forza; nè mai si trova scritto COL, che la parola seguente non cominci da consonante, se però non cominci da S con altra consonante allato, COL STOCCO, COL SCUDO ec. nel qual caso si dee dire COLLO STOCCO, COLLO SCUDO ec. il che non avviene di COLLA, nè di COLLE, che possono stare avanti alla parola, che cominci da vocale, e da consonante.
143) Dizion. 4° Ed. .
BALAUSTRA, BALAUSTA, e BALAUSTO
Apri Voce completa

pag.370



1) id: d10ebb3435164ebd8192065f2f88bb13)
Definiz: Fior di melagrana. Lat. balaustium. Gr. βαλαύστιον.


2) id: 16b3ccdc54a64710833fd50625c3d9f8)
Esempio: E M. Aldobr. appresso: Prendete galla muschiata ec. scorza di melegranate, e balauste, cioè fior di melegranate.


3) id: 57ee7bafe15f4ea2819e74d9e671dd93)
Esempio: E Cr. 5. 13. 15. Il lor fiore, che balausta s'appella, è più lazzo, e più secco di tutte l'altre cose predette.
144) Dizion. 4° Ed. .
ROMITELLO
Apri Voce completa

pag.262



1) id: c7ae7ecf73d34b3eb7d1c42eb8a53276)
Esempio: Fir. disc. an. 156. Come già ne fece il romitello di monte Asinaio manifesta prova.
145) Dizion. 4° Ed. .
ZELATORE
Apri Voce completa

pag.357



1) id: e85bab20defe4798ba271ff6fbd1469b)
Esempio: Fir. disc. an. 40. Oh Iddio onnipotente, e misericordioso ec. discopritore, e zelatore della verità.
146) Dizion. 4° Ed. .
VOLPONE
Apri Voce completa

pag.324



1) id: 98a78cf8746f486ea1859b8191df44a9)
Esempio: Fir. disc. an. 71. Un lupo, e un volpone, e un corvo abitavano di compagnía.


2) id: 1ad99a17e5ee48ee829c29fe3a392a92)
Definiz: §. II. Per metaf. si dice di Persona astuta. Lat. vaferrimus, vulpio, Apul. Gr. πανοῦργος, ἀλώπηξ.
147) Dizion. 4° Ed. .
SCOCCOLATO
Apri Voce completa

pag.401



1) id: 27714933cad147f395d1f0429181892d)
Esempio: Fir. Trin. 3. 6. Altrimenti è una scoccolata bugía.
148) Dizion. 4° Ed. .
RAVIGGIUOLO, e RAVEGGIUOLO.
Apri Voce completa

pag.79



1) id: f688b4c3ac1d4d66854ac3a3f28117b5)
Esempio: Fir. rim. 116. Pare a giacere un cacio raviggiuolo.
149) Dizion. 4° Ed. .
PENZOLONE, e PENZOLONI
Apri Voce completa

pag.552



1) id: 19d0830d7c1e4434a2d7f875d8fb5eaf)
Esempio: Fir. rim. 126. Ve n'è una nel chiostro penzoloni.
150) Dizion. 4° Ed. .
PAROLINA.
Apri Voce completa

pag.497



1) id: a7decb8c776f4f638dce2cf0e71849fd)
Esempio: Fir. As. 307. Che paroline dolci mi disse ella!


2) id: bcf00f9acda240e590ef075c95d512db)
Esempio: E disc. an. 34. Con le più dolci paroline, e con le più mansuete, che voi mai vedeste, disse.
151) Dizion. 4° Ed. .
A BUON'OTTA.
Apri Voce completa

pag.20



1) id: 64911f4ebb0f4d4ba11760a16ea16f00)
Esempio: Fir. Trin. E tornate l'hanno in terreno a buon'otta.
152) Dizion. 4° Ed. .
ACCATTAPANE.
Apri Voce completa

pag.24



1) id: d8382903101749ed910655972c800099)
Esempio: Fir. As. 29. Vestito sempre a guisa d'uno accattapane.
153) Dizion. 4° Ed. .
SGOCCIOLATURA.
Apri Voce completa

pag.515



1) id: 770dcef2c5da41fc881bcfe75420f599)
Esempio: Segr. Fior. Mandr. 5. 1. Ben si sono indugiati alla sgocciolatura.
154) Dizion. 4° Ed. .
PETROSELLO, e PETROSILLO
Apri Voce completa

pag.590



1) id: 7291ce0b9e12431993f6713f77a7229c)
Esempio: Pataff. 5. Prete col pretognano, e petrosello.


2) id: 5f3a9f814c8f4418b0e5d6926e05ad62)
Esempio: Amet. 45. Il saporito finocchio col frigido petrosillo.
155) Dizion. 4° Ed. .
DISALLOGGIARE
Apri Voce completa

pag.153



1) id: 64581457ff1645a69b9b5fb24b281bea)
Esempio: Segr. Fior. disc. 2. 17. Senza che tu abbi alcun rimedio ti disalloggia.


2) id: 898e6de3b32147cda2826c2d57233eff)
Esempio: E Segr. Fior. disc. 3. 18. Come se gli avessino disalloggiati i nimici.
156) Dizion. 4° Ed. .
ACCATTAMENTO.
Apri Voce completa

pag.24



1) id: 87bcd78225c4483fae07fbca4c8487b5)
Esempio: Fir. Disc. an. 30. Fu ricevuto da lui, e da tutta la sua baronía con grandissimo accattamento.
157) Dizion. 4° Ed. .
UCCELLACCIO.
Apri Voce completa

pag.202



1) id: c1f3cb550386403b99e72b90d2c04948)
Esempio: Fir. disc. an. 75. Ben dimostri, vile uccellaccio ec. che in te non è fede, nè discrezione.


2) id: 7d9fd478433c40cab1751cb15122b5c1)
Esempio: E Fir. disc. an. 89. Le poche faccende, che tu hai, messer uccello, anzi ser uccellaccio, ti hanno fatto pigliare briga di quello, che noi ci facciamo.


3) id: 9b526c1cd53948b895984402fad69f4a)
Definiz: §. Uccellaccio, diciamo anche ad Uomo scempiato, semplice, sciocco, minchione. Lat. nebulo. Gr. οὐτιδανός.
158) Dizion. 4° Ed. .
VELENOSISSIMO.
Apri Voce completa

pag.216



1) id: a3886c9f53d04c49a076c1140c8b61db)
Esempio: Fir. disc. an. 60. Più sicuro può dormir uno sopra il nido d'una serpe velenosissima, che ec.
159) Dizion. 4° Ed. .
DIASENA
Apri Voce completa

pag.92



1) id: 4481ad12f98843dfab7b52d93ed3a3c8)
Esempio: Ricett. Fior. 187. Diasena fresca magistrale.


2) id: 46f66805f281470092d90e12412a40f2)
Esempio: E Ricett. Fior. appresso: Fa' lattovaro in buona forma, e questo si de' usare per diasena, e per lattovar lenitivo.