Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 518 msec - Sono state trovate 12989 voci

La ricerca è stata rilevata in 62435 forme, per un totale di 49118 occorrenze

4° Edizione
Diz Giu. totali
61271 1164 62435 forme
48282 836 49118 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
260) Dizion. 4° Ed. .
DI RIETO;
Apri Voce completa

pag.145



1) id: 70c11f02e6e74041aebd5ffe15bd0a90)
Esempio: Ovid. Pist. S. B. Deh come le sta bene! ella volle innanzi uno straniere, che alcuno uomo del suo paese; vadagli adunque di rieto, e vada ad imparare.


2) id: ee5dcd31e1cd4d3ca30ab084463bee4e)
Esempio: E Fior. S. Franc. appresso: Donde dunque a te, che tutto ti vegna dirieto?


3) id: afe6e257f7024625b9aa41ad34b2574e)
Esempio: Fior. S. Franc. 10. Perchè a te tutto il mondo viene dirieto, e ogni persona pare, che desideri di vederti.
261) Dizion. 4° Ed. .
ATATRICE
Apri Voce completa

pag.312



1) id: 5fdb1293d3e14f589c801f60b2e657b6)
Esempio: Ovid. Pist. Priego la Dea Diana, che come tu sarai ubbidiente al mio amore, così ti sia ella amorevole, e atatrice ne' boschi.
262) Dizion. 4° Ed. .
MILLANTATORE
Apri Voce completa

pag.244



1) id: facce54bd2c347839ec7991a3fad9887)
Esempio: Pist. S. Gir. Alcuni altri sono molto grandi prelati, parlanti, e millantatori.
263) Dizion. 4° Ed. .
ORDITOIO
Apri Voce completa

pag.423



1) id: 59759fa6e8754f0daec3160672b55624)
Definiz: Quello strumento, sul quale s'ordisce. Lat. iugum, Ovid.
264) Dizion. 4° Ed. .
SPUNTATO.
Apri Voce completa

pag.691



1) id: 620d33c467a247aebe2e707eac5ac9f7)
Esempio: Ovid. Art. am. Ponete giù gli spuntati coltelli.


2) id: c8fb481a032148eea055bbe2f5ee92a4)
Esempio: Buon. Fier. 3. 2. 15. Mi ciondola spuntato giù il favore (quì per metaf. nel signific. del §. ult. di Spuntare)
265) Dizion. 4° Ed. .
BENAVVENTURATAMENTE
Apri Voce completa

pag.412



1) id: e7390a8cd392434c892aa6b07959c2c3)
Esempio: Ovid. rem. am. Benavventuratamente amando, arda, e rallegrisi.
266) Dizion. 4° Ed. .
AGUATATORE.
Apri Voce completa

pag.101



1) id: 562eedee9e644b398cdae1f2ffaf2a15)
Esempio: Ovid. rem. am. L'amore aguatatore, abbonda a' matti.
267) Dizion. 4° Ed. .
SATOLLITÀ, SATOLLITADE , e SATOLLITATE
Apri Voce completa

pag.331



1) id: 58f2f33ac6044d7ba932b6f4702bc5a4)
Esempio: Pist. S. Gir. F. R. La gola, e la satollità ci cacciò di Paradiso.
268) Dizion. 4° Ed. .
GUADAGNARE
Apri Voce completa

pag.681



1) id: 9733699cedfa4c6e92a3c0498b1b706d)
Esempio: Sen. Pist. 6. In questo mezzo togli quel, ch'io guadagnai oggi.
269) Dizion. 4° Ed. .
DISCONFORTARE
Apri Voce completa

pag.162



1) id: 322d31ee51254861999d53acc9712573)
Esempio: Sen. Pist. Aggiugni molte cose, che 'l discoraggino, e 'l disconfortino.
270) Dizion. 4° Ed. .
DISCORAGGIARE
Apri Voce completa

pag.165



1) id: a75bb91b24b94c899b82684d10fc1a9d)
Esempio: Sen. Pist. Aggiugni molte cose, che 'l discoraggino, e 'l disconfortino.
271) Dizion. 4° Ed. .
FUGGIMENTO
Apri Voce completa

pag.542



1) id: 76012e48d3fa49f9acbddfde82d8c9c6)
Esempio: Sen. Pist. L'uomo dee raccogliere, e ritenere il fuggimento del tempo.
272) Dizion. 4° Ed. .
SCALPITATO
Apri Voce completa

pag.353



1) id: 391fad1a00bf4794989c61614d956d88)
Esempio: Sen. Pist. 85. Non credere, che sia scalpitato, e soppressato dall'avversitadi.


2) id: 6a2ac0963b33422480f5145f41c2db40)
Esempio: E Sen. Pist. 94. Ella ci ha dato a scalpitare, e sopraffare tutte queste cose, per le quali siamo scalpitati, e soppressati.
273) Dizion. 4° Ed. .
STRANARE
Apri Voce completa

pag.766



1) id: 72d9b73d077f49e793bccb7abf18de6c)
Esempio: Sen. Pist. Egli è gran parte stranato dal fascio, ch'e' sosteneva.


2) id: 8b171fd3f20a4d4e80395c562dd6e82f)
Esempio: Pecor. g. 24. ball. O qual forza, o destino, o qual consiglio L'abbia potuto mai da me stranare.
274) Dizion. 4° Ed. .
SFRENAMENTO
Apri Voce completa

pag.510



1) id: 6a67320170f54828b18b84e92ee5e792)
Esempio: Pist. Cic. a Quint. Dov'è infinita licenzia, cioè sfrenamento degli uomini.


2) id: 3a740dd6610d464f9d99ef567e1a9330)
Esempio: Mor. S. Greg. Lo ridere corporale procede in questa vita da uno sfrenamento di dissoluzione.
275) Dizion. 4° Ed. .
SMEMORARE
Apri Voce completa

pag.547



1) id: 24deab1d3e23485483e001ae856cb28d)
Esempio: Sen. Pist. Perchè si maraviglia uom di queste cose, ed ismemora?
276) Dizion. 4° Ed. .
GIAFOSSECOSACHÈ, e GIAFOSSECHÈ
Apri Voce completa

pag.603



1) id: 448f8ff240d04484af132742c32eb508)
Esempio: Sen. Pist. 48. Ma giafossechè elle non facessero pro, nè danno.
277) Dizion. 4° Ed. .
FIDARE
Apri Voce completa

pag.450



1) id: ef29ace019d84ed2b356c0b349973e0a)
Esempio: Stor. Pist. 88. Castruccio li fidò, e certi andarono nel campo.


2) id: e54ae737ce2d467b8b7827940a12b196)
Esempio: G. V. 12. 111. 7. Avendogli fidati, e baciati in bocca, e caritevolmente mangiato con loro.
278) Dizion. 4° Ed. .
INORGOGLIRE, e INORGOGLIARE
Apri Voce completa

pag.851



1) id: 5c4cd2c9a0e84b1189f81c44b3fb923b)
Esempio: Sen. Pist. Non s'inorgoglia, nè s'inumilia per le cose di fortuna.


2) id: 227c5d73a08e42d8bc357849ef81b315)
Esempio: Gr. S. Gir. Dee aver gran vergogna l'uomo, che s'inorgoglia.
279) Dizion. 4° Ed. .
MACINARE
Apri Voce completa

pag.111



1) id: 479d0c318c8347e49c9a5d6fd70a5baa)
Esempio: Sen. Pist. La biada si macina, e 'nfragne, e diventa farina.


2) id: b785be9ddee3440398730dcd7ae49bd2)
Esempio: Bocc. g. 3. p. 6. Gittava tanta acqua, e sì alta verso il cielo, ec. che di meno avría macinato un mulino.