Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 415 msec - Sono state trovate 3002 voci

La ricerca è stata rilevata in 11360 forme, per un totale di 8358 occorrenze

5° Edizione
Diz Giu. totali
11360 0 11360 forme
8358 0 8358 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
200) Dizion. 5° Ed. .
INEBRIAMENTO, ed anche INEBBRIAMENTO.
Apri Voce completa

pag.633



1) id: 816f129bfbde4ba689d815624ed21240)
Esempio: Libr. Op. div. P. N.: Dolcezza dell'anime, inebbriamento de' cuori.
201) Dizion. 5° Ed. .
DISBARATTARE.
Apri Voce completa

pag.477



1) id: 8954121184364981ac22a2b261a4a395)
Esempio: Colonn. Guid. N. 93: Lo re Polluce.... disbarattoe le schiere.
202) Dizion. 5° Ed. .
DISBRIGARE.
Apri Voce completa

pag.478



1) id: 026f6e4ba53a44999efd4ecdd3e92bf7)
Esempio: Libr. Op. div. P. N.: Hae a disbrigare questa quistione.
203) Dizion. 5° Ed. .
GRECAIUOLO e GRECAIOLO.
Apri Voce completa

pag.577



1) id: 62da9a562ab94e6fbc87080252177d92)
Esempio: Buomm. Cical. 22: I fattorini de' sarti, de' barbieri e de' linaioli,... lo portavan fil filo al grecaiuolo e all'oste.


2) id: 5b9d5426e9c4452fbac8b41507e5152a)
Esempio: E Buonarr. Fier. 4, 5, 6: Tito s'andò a salvar 'n un grecaiuolo.
204) Dizion. 5° Ed. .
INSIDIOSISSIMO.
Apri Voce completa

pag.922



1) id: a2f317e840cb4c92b69b9f8e6cad23be)
Esempio: Buonarr. Cical. III, 1, 30: Là dove più il desiderio e la speranza, insidiosissimi uccellatori di ogni nostro appetito, c'invitano.
205) Dizion. 5° Ed. .
IMMONDIZIA.
Apri Voce completa

pag.141



1) id: f1ff8b1f0f21404496541d11bf06f4dd)
Esempio: Rucell. Or. Cical. III, 1, 150: Canovaccio, vuol dir canonico, cui s'appartiene tener nette le coscienze da ogni peccaminosa immondizia.


2) id: 51b5329511094186ace239bda35dfeb4)
Esempio: E Bibb. N. 1, 509: Lo sacerdote lo condannerà (chi è affetto da lebbra inveterata),... e non lo recluderà, però che chiaramente si vede che è immondizia.


3) id: 3804d32b4b08465ab55af3d1d336a6b3)
Esempio: Bibb. N. 1, 473: Chi toccherà alcuna cosa immonda, ovvero cosa che sia stata morta da bestia, ovver che sia morta per sè, ovver cadauno serpente, e sarassi dimenticato della sua immondizia, avrà peccato e rotto lo comandamento. E se toccherà alcuna cosa di bruttezza di uomo, secondo tutte le immondizie con le quali si suole deturpare, e dimenticata, poscia l'avrà conosciuto, sarà sotto al peccato.
206) Dizion. 5° Ed. .
CHIACCHIERARE.
Apri Voce completa

pag.824



1) id: b9df5950764c432188be144cc7d1a28e)
Esempio: Buonarr. Cical. III, 1, 29: Affermando comodissima cosa la libertà del parlare, del cicalare e del chiacchierare e del berlingare.
207) Dizion. 5° Ed. .
LEGUME
Apri Voce completa

pag.225



1) id: 5cbbd4f0c8ae40c8bbba5a95a810c1c9)
Esempio: Dat. Cical. III, 1, 182: Pausania, raccontando che Cerere non insegnò la cultura delle fave, soggiugne ch'ell'erano stimate legume impuro.
208) Dizion. 5° Ed. .
AMMACCATURA.
Apri Voce completa

pag.435



1) id: 0bbdf964d58540e39795b800e41051f3)
Esempio: Rucell. L. Cical. III, 1, 243: Per la connessione dell'ossa fra loro non avesse patito ammaccatura qualche muscolo dell'osso sterno.
209) Dizion. 5° Ed. .
APPAGAMENTO.
Apri Voce completa

pag.570



1) id: 30fc3961d3914d408b3624cbceb5811e)
Esempio: Buonarr. Cical. III, 1, 58: Gli studj vogliono esser liberi ed ingenui, ed aver per fine l'appagamento di lor medesimi.
210) Dizion. 5° Ed. .
COVO.
Apri Voce completa

pag.948



1) id: 43448c5c8e384c41a0849f24c256262e)
Esempio: Francesch. Cical. III, 2, 29: Chiara cosa è che l'uovo non fu il primo, perchè chi arebbe fatto il covo?


2) id: 4e219bc335dd4c7c9ba70e3beb67796c)
Esempio: Ross. B. Cical. III, 2, 285: Quel gelosaccio di Vulcano, per chiappare in fragranti e a covo, come gli riuscì, quello smargiasso ec.
211) Dizion. 5° Ed. .
AGGRANFIRE.
Apri Voce completa

pag.302



1) id: 2c7a67ffb84a44a8ad34812e48d218eb)
Esempio: Monigl. Cical. III, 1, 224: Distendendo le braccia fino all'altra parte della tavola per aggranfire un bocconcino de' più saporiti.
212) Dizion. 5° Ed. .
APPANNARE.
Apri Voce completa

pag.574



1) id: acedaf13a4374676a63353c99cb64c79)
Esempio: Ross. B. Cical. III, 2, 286: Egli [gli uccelli],.... v'inciampano dentro, e restano prigionieri e inviluppati ne' sacchetti fatti nell'appannare.
213) Dizion. 5° Ed. .
GHIACCIATO e per sincope GHIACCIO.
Apri Voce completa

pag.179



1) id: 11b15a05fbce42ce98cc6292d386c538)
Esempio: Ross. B. Cical. III, 2, 11: Partomi, e vommene alle Bertucce e in Panico, e quivi truovo similmente l'uscio ghiacciato.
214) Dizion. 5° Ed. .
COGLIERE, e per sincope, propria più che altro del linguaggio poetico, CÔRRE.
Apri Voce completa

pag.122



1) id: 973da3c088c5497ba36f8726a5ada7de)
Esempio: Chiment. Cical. III, 1, 91: Che Proserpina cogliesse allora fra l'altre cose della lattuga, me ne porge gagliardissima coniettura Pausania.


2) id: bc2512b6fe384c4cb296b126a04078bf)
Esempio: E Petr. Rim. 1, 268: E 'n quali spine Colse le rose, e 'n qual piaggia le brine Tenere e fresche?


3) id: b4dcd37af92541e8b77c05b4c5a7d650)
Esempio: E Tass. Amint. 4, 1: Quando il vidi [il lupo] tanto Vicin, che giusto spazio mi parea Alla percossa, lanciai un dardo, e 'n vano: Chè.... In vece sua colsi una pianta.
215) Dizion. 5° Ed. .
BOCCUCCIA, e anche BOCCUZZA
Apri Voce completa

pag.216



1) id: dae9d0fbddfd480087f51284f7d18c64)
Esempio: Buomm. Cical. 21: Non ce n'è, rispos'ella con una certa boccuccia,.... che si scorgeva bene ch'ella lo minchionava a credenza.
216) Dizion. 5° Ed. .
CARPITO
Apri Voce completa

pag.599



1) id: 4f585b9e9e914452a83cbef0fa8d06a5)
Esempio: Buonarr. Cical. III, 1, 3: Carpendolo [il cercine], a quello di cui era il carpito cercine toccava a esser bersaglio.
217) Dizion. 5° Ed. .
BECCANTE
Apri Voce completa

pag.116



1) id: 92d4e67ccbaf4ee6b3baad4464ff7334)
Esempio: Ross. B. Cical. III, 2, 19: Era una rondine con due becchi, beccante mosche, ch'era attorno attorno a certe polpette.
218) Dizion. 5° Ed. .
CAPRIFICO
Apri Voce completa

pag.549



1) id: 5fd092e57234473e84001e376137fc9a)
Esempio: Dat. Cical. III, 1, 167: E dove sono i semi delle pietre, degli oleastri e caprifichi sopra l'altissime torri ec.?
219) Dizion. 5° Ed. .
CALENDIMAGGIO.
Apri Voce completa

pag.397



1) id: 06dfe5738faf40ef9c7e00da1b3a99cf)
Esempio: Buonarr. Cical. III, 1, 9: Io [Ferragosto], Calendimaggio mio fratello, e la Befana mia sirocchia fummo tutti (ma variamente) fatati.


2) id: e1de7505fdff4297b3639469aa456da7)
Esempio: E Buonarr. Cical. III, 1, 10: Calendimaggio si fe' fatar nella musica; e però tu vedi che ogni anno in quel dì ch'e' morì, se gli cantano le canzoni; e più giorni poi e' volle che in quel tempo i devoti suoi, a suo grand'onore, gli appiccassero il maio.