Lessicografia della Crusca in rete

Query: +None - Tempo di Ricerca: 405 msec - Sono state trovate 281 voci

La ricerca è stata rilevata in 594 forme, per un totale di 313 occorrenze

5° Edizione
Diz Giu. totali
594 0 594 forme
313 0 313 occorrenze
Ordinamento delle voci: alfabetico punteggio
120) Dizion. 5° Ed. .
INVIDIANTE.
Apri Voce completa

pag.1184



1) id: c2d5a2207e734cf7afdfca64e71fbe3d)
Esempio: Cic. Tusc. 127: Altra medicina si debbe dare al piangente, ed altra al misericordiante, ed altra allo invidiante.
121) Dizion. 5° Ed. .
DONAZIONE e anche DONAGIONE.
Apri Voce completa

pag.839



1) id: 2858153be262427b917ecd7145e9c2fc)
Esempio: Cic. Tusc. 90: Gaio Gracco, quando egli ebbe fatto grandissime donagioni, ed aveva l'erario sparto, nientedimeno difendeva l'erario.
122) Dizion. 5° Ed. .
GLORIFICARE.
Apri Voce completa

pag.374



1) id: 8102ad71624f4dadb1ccff8671745fe0)
Esempio: Cic. Tusc. 12: Egli (Ennio) addomanda la mercè della gloria da coloro, i padri de' quali egli glorificò.
123) Dizion. 5° Ed. .
ASSOTTIGLIANTE.
Apri Voce completa

pag.794



1) id: 307a500306b74234925565fe0df48726)
Esempio: Cic. Tusc. 155: Senocrate, quello gravissimo filosofo, accrescente tanto la virtù, ed assottigliante e abbassante tanto le altre cose.
124) Dizion. 5° Ed. .
ACCUSANTE
Apri Voce completa

pag.152



1) id: 3ff18a52297b429ba2fd2f9b01ef214d)
Esempio: Cic. Tusc. 121: Finalmente essi [i Peripatetici] non lodano l'oratore o accusante o difendente, il quale senza iracundia sia.
125) Dizion. 5° Ed. .
CRUCIANTE.
Apri Voce completa

pag.1027



1) id: dc798740ec284321b9801162106cdcba)
Esempio: Cic. Tusc. 97: Or che dice quello introdotto da Terenzio seco medesimo pententesi, cioè eautontymorumenos, cioè sè medesimo cruciante.


2) id: 65fb26926a8343df8ae70773fef19a92)
Esempio: Cic. Tusc. 112: El dolore è egritudine cruciante.
126) Dizion. 5° Ed. .
CONSENTIMENTO.
Apri Voce completa

pag.506



1) id: 15191760dada4b3cbbf2f9174f13d8a2)
Esempio: Cic. Tusc. 11: In ogni cosa il consentimento di tutte le nazioni è da essere stimato legge di natura.
127) Dizion. 5° Ed. .
MEDICARE
Apri Voce completa

pag.17



1) id: 3d75411a2365492ca6349ad7f34372c2)
Esempio: Cic. Tusc. 50: Ella (la filosofia) medica agli animi, trae le vane sollicitudini, delle cupidità libera, scaccia e' timori.


2) id: f8e4df71a0864e018c3a6ec46fa1f577)
Esempio: E Cic. Tusc. 74 t.: Con ogni potenzia e forza ci dobbiàno affaticare che noi possiamo a noi medesimi medicare.
128) Dizion. 5° Ed. .
MORBOSO.
Apri Voce completa

pag.531



1) id: 19dc03c1e9044c23903174a93ce12ccc)
Esempio: Cic. Tusc. 125: Perchè nessuno (dei vizj) era più brutto che l'iracundia, essi (i Latini) gl'iracundi hanno chiamato morbosi.
129) Dizion. 5° Ed. .
EFFUSIONE.
Apri Voce completa

pag.62



1) id: 8aa8a5bba7d8426980a22baa2e05abd3)
Esempio: Cic. Tusc. 131: In quello medesimo vizio è l'effusione dell'animo nella letizia, nel quale è la contrazione nel dolore.
130) Dizion. 5° Ed. .
ESIZIO.
Apri Voce completa

pag.300



1) id: bd5567a0b8df4bcb992ad271c027aaf0)
Esempio: Cic. Tusc. 60: A colui el quale a altri ordina esizio, a sè essere ancora apparecchiata peste, sapere conviene.
131) Dizion. 5° Ed. .
DIMANDANTE e DOMANDANTE.
Apri Voce completa

pag.350



1) id: 15fe18345a4f497d80984d72887dbb2d)
Esempio: Cic. Tusc. 169: Diogene, come cinico, più liberamente rispose a Alessandro domandante se egli aveva bisogno di cosa alcuna.
132) Dizion. 5° Ed. .
DISTORTO.
Apri Voce completa

pag.701



1) id: 677922fabe7b4ce1af6565bdd6e108fd)
Esempio: Cic. Tusc. 116: Affezione è quella dissenziente a sè medesima, mentre che essa è insipiente, ma non distorta nè cattiva.
133) Dizion. 5° Ed. .
FERITA.
Apri Voce completa

pag.760



1) id: 7e1bbf297c244423a3b1ac773b2f2147)
Esempio: Cic. Tusc. 32: Sia adunque uno, il quale niente abbia di male, e non abbia dalla fortuna ricevuto ferita alcuna.
134) Dizion. 5° Ed. .
IMBAGNATO.
Apri Voce completa

pag.60



1) id: 80cb552e72354953af7929969036ac94)
Esempio: Cic. Tusc. 58: Colui per certo non è forte, el quale giace nel letto, per le lagrime imbagnato ed umido.
135) Dizion. 5° Ed. .
BARBIERE
Apri Voce completa

pag.67



1) id: 03b6d843e357420fae8cf5977ab6cbf6)
Esempio: Cic. Tusc. 157 t.: Ancora egli [Dionisio], acciocchè non commettesse el collo al barbiere, egli insegnò alle sue figliuole tondere.
136) Dizion. 5° Ed. .
APPETENTE.
Apri Voce completa

pag.591



1) id: 88741a360a6e4dbdb21829183c336367)
Esempio: Cic. Tusc. 118: La cupidità, sempre avidamente qualche cosa appetente, e la vana alacrità.... non molto dalla stoltizia si differenziano.
137) Dizion. 5° Ed. .
ACUTO.
Apri Voce completa

pag.184



1) id: da859e3a74e54b7681aa97ec31c1258d)
Esempio: Cic. Tusc. 6: Ma e' mi pare che tu segua l'opinione di Epicarmo, uomo acuto, e come siciliano non sciocco.
138) Dizion. 5° Ed. .
ESANIMAZIONE.
Apri Voce completa

pag.249



1) id: 80d186b1cd8f4815b2f136004987a8e2)
Esempio: Cic. Tusc. 111: Sotto il timore sono suggette la pigrizia, la vergogna, el pavore, la esanimazione, la conturbazione, la formidine.
139) Dizion. 5° Ed. .
ENFIATO.
Apri Voce completa

pag.141



1) id: 54e989bf0c4e419ba355a11ab3f1744e)
Esempio: Cic. Tusc. 66: Caio Mario, uomo rusticano, ma per certo virile, essendogli tagliato gli enfiati delle gambe,... vietò essere legato.